Pronti a dormire davanti al Comune

Mediagallery

Sono Roberto, un mesetto fa avevo scritto una lettera per quanto riguardava il mio sfratto esecutivo. Ormai è più di un anno che vado avanti e dietro per gli uffici del comune per sentire cosa potevo fare e mi sono sentito dire rimani calmo che vedrai qualcosa viene fuori non fare come tanti che occupano case. Io ho dato atto alle loro parole ma stamani mi hanno dato conferma alla data con forza pubblica e sarebbe il 25/01/ 2016, e io cosa ho fatto la solita domanda ed ora. Mi hanno risposto in poche parole arrangiati, sono rimasto di pietra ho dato ascolto per un anno e ora sono fuori casa. Ho deciso che se rimango senza un tetto dormirò con la mia famiglia davanti al Comune, compresa la mia bambina di cinque anni…

Roberto

Riproduzione riservata ©