Salviano, condannati a morte per un pugno di metri!

Mediagallery

Con questa lettera vorrei ringraziare il sindaco e la giunta per averci condannati a morte, modificando la viabilità di Salviano, rendendo via Costanza una strada morta. Adesso quelli che si lamentavano perché  dovevano fare 200 metri di strada  in più in macchina saranno contenti. Noi però, mutui, affitti e tasse dovremmo continuare a pagarli, pena la perdita delle garanzie, nel mio caso la casa dei miei genitori, frutto  di 40 anni di lavoro.  A niente sono servite le proteste degli abitanti del quartiere e le mail inviate al sindaco, che ascolta chi vuole lui, senza pensare alle  conseguenze.
Per un pugno di metri, grazie sindaco!

Pro

 

Riproduzione riservata ©