“Portici sporchi quando stazionano i senza tetto”. La municipale risponde: caso noto. Ci sarà lavaggio

Mediagallery

Volevo segnalare una situazione di grave degrado esistente ormai da mesi tra Via Di Franco e Via Cairoli, sotto i portici nei pressi della Banca di Credito Cooperativo. La presenza di barboni che dimorano da mesi indisturbati, ha creato un sudicio al limite della sopportabilità, per non parlare della presenza di urina dietro ai colonnati. Ho segnalato la situazione ai Vigili Urbani, all’URP del Comune e all’AAMPS, ma finora nessun intervento serio. Le macchine per la pulizia da mesi non effettuano il lavaggio previsto.

Michela Pedini, titolare posizione sezioni Territoriali, Sicurezza e Mobilità della municipale risponde – Vorrei segnalare che non è vero che nessuno fa niente. La Polizia Municipale ha organizzato dai primi di aprile servizi mirati anti degrado identificando, allontanando e segnalando i soggetti ai servizi sociali. Non essendo residenti possono usufruire del servizio di ospitalità notturna per un massimo di venti giorni ma devono essere loro ad attivarsi presentandosi al centro e richiedendo aiuto, noi non possiamo convincerli né costringerli, oltretutto fanno uso di alcol che non li aiuta certo nelle proprie scelte. Dal punto di vista normativo, non pongono in essere comportamenti penalmente rilevanti bensì solo violazioni dei regolamenti comunali punibili con una sanzione da 50 euro (che non pagano). Anche l’ubriachezza è stata depenalizzazione e comunque non tengono comportamenti molesti e neppure reagiscono agli interventi degli agenti. Non è quindi un problema di polizia bensí un problema di marginalità sociale: continueremo comunque le attività di allontanamento. In particolare da Via Cairoli/Di Franco si sono spostati e questa notte sono stati avvistati al civ. 9 di Via di Franco. Anche questa sera ci sarà il nostro controllo anti degrado. Quanto alla pulizia, vari interventi straordinari sono già stati posti in essere ed è in programma un lavaggio profondo del colonnato.

Riproduzione riservata ©