Associazione Paraplegici a sostegno della Municipale

Mediagallery

L’Associazione Paraplegici Livorno ha da sempre lavorato e collaborato con il Corpo della Polizia Municipale per avere una città che fosse possibile anche ai pedoni normodati e disabili.
Più volte abbiamo chiesto all’amministrazione comunale di coinvolgere docenti e scolaresche al fine di trasmettere non solo ai bambini ma anche ai genitori scooteristi ed automobilisti quelle regole per avere un marciapiede libero da auto e moto , rampe e posti auto per disabili liberi da soste selvagge.
Un impegno costante ed una piena collaborazione anche sul fronte “prevenzione” dove allacciare un casco e moderare la velocità erano alla base di un percorso di “crescita” , di salute e di educazione.
Abbiamo perduto giovanissime vite e costantemente viviamo il disagio di auto, bici e scooter parcheggiati senza attenzione rendendo la vita impossibile non solo a chi vive una sedia a ruote ma anche ad un cittadino con un bambino in braccio.
In molti casi con buon senso, gli agenti , hanno dimostrato tolleranza per situazioni al limite ma Livorno ha bisogno di un intervento serio e costante per rendere possibile una passeggiata in centro città .
Livorno ha bisogno di un controllo se per salvaguardare la vita di giovani sempre troppo spericolati.

Quotidianamente riceviamo segnalazioni e lamentele per il poco senso civico di automobilisti e da sempre disponibilità del Comando ad intervenire nonostante il sempre basso numero di agenti in forza e se oggi un carro attrezzi libera marciapiedi e scivoli e se “fioccano” multe per selvaggi divieti di sosta non dovremmo lamentarci ma fare e chiedere più attenzione per iniziare un percorso di rispetto reciproco …
Se devi lasciare una macchina su una rampa almeno lascia 70 cm per far passare una sedia a ruote o un passeggino … e lo scooter parcheggialo lasciando libero il passo …

Cosi come le biciclette legate ai pali sui marciapiedi … spesso sono ostacolo e pericolo e ci sono “antichità” rugginose che hanno solo un valore per un ferrovecchio.
Crediamo nel loro operato e vorremmo che continuassero a rendere la vita di un pedone possibile…

Per l’Associazione Paraplegici Livorno 
Il presidente, Fabrizio Torsi

Riproduzione riservata ©