"Ospedale, io ho trovato grande professionalità. Basta lamentele, non siamo in un negozio". Raccontaci la tua esperienza

Mediagallery

Buongiorno, con la presente vorrei narrare due episodi, purtroppo da me vissuti entrambi, avvenuti al pronto soccorso di Livorno. Il primo è avvenuto nell’agosto del 2012.
In quell’occasione portai, con l’ambulanza, mio padre di 78 anni in una grave situazione di disidratazione. In poche ore furono fatte tutte le dovute analisi, mio padre fu “preso per i capelli” (sottolineo che soffriva di diverse patologie) e mi fu, purtroppo, comunicato pure che avevano trovato un male incurabile in stato molto avanzato. Il primario teene mio padre ricoverato presso il pronto soccorso, ben 8 giorni, in modo tale da permettere un rientro a casa, dove dopo pochi giorni è purtroppo spirato. Tutto lo staff mostrò una competenza, professionalità e sopratutto umanità degna di encomio. Mi promisi di scrivere sia alla direzione ospedaliera sia a voi, ma poi, capirete, seguirono giorni un po’ concitati. Il secondo episodio invece riguarda me stesso. La scorsa settimana ho avuto un infortunio abbastanza serio all’occhio.
Mi sono recato con mezzi propri presso la struttura, ed in breve posso dire: arrivato alle ore 09.15, alle ore 10.30 mi avevano visitato due oculisti, fatto ecografia al globo oculare, e TAC alla zona cranica interessata. Di nuovo ho trovato una estrema professionalità degna di nota. Forse noi livornesi dovremmo in primis smettere di andare al pronto soccorso per le “bischerate” che non fanno altro che intasare la struttura, poi dovremmo capire che l’ospedale e fattispecie il pronto soccorso, non è il banco dei salumi dove chi prima arriva prima è servito, bensì viene “servito” prima chi ha una priorità maggiore in base alla gravità del problema. Infine, ma non ultimo, lamentarsi perché un medico “ci sta troppo” a visitare un paziente, la vedo come una bestialità enorme. Grazie per la cortese attenzione e soprattutto grazie a tutto lo staff del pronto soccorso di Livorno, di cuore, davvero. (va da sé che vedo il progetto del nuovo ospedale come un inutile spreco di risorse).
Walter Paoli

Riproduzione riservata ©