Stressati dalle denunce. Così non siamo sereni

Mediagallery

Operatori sanitari che amano il proprio lavoro, stressati, vessati e minacciati da cause legali ingiuste e continue. Così non si puó piú andare avanti. Facciamo un lavoro stressante, lottiamo costantemente per dare una buona assistenza ai pazienti e dobbiamo convivere pure con l’irriconoscenza e l’incubo delle denunce. Siamo tartassati. Errori o no, ci vediamo piovere addosso indagini e richieste di risacimento assurde. Gli Ordini professionali e i Sindacati non fanno nulla, L’Azienda Sanitaria potrebbe fare di piú; siamo abbandonati alla mercé di giornali e televisioni che ci sbattono in prima pagina solo per un avviso di garanzia (nessuno pubblicherà mai che le nostre posizioni sono state archiviate, quando avviene, perché l’errore non sussiste). Lunghe procedure legali, perdita di tempo e di energie che vengono sottratte alla assistenza dei pazienti, stress, perdita della serenitá personale. E’ un terrore quotidiano; noi operatori sanitari livornesi abbiamo ormai quasi paura a entrare in contatto con i nostri pazienti. Basta una svista rispetto al protocollo, spesso fatta anche a fin di bene e con il solo obiettivo di dare il massimo a chi è in difficoltà, basta un familiare abbindolato da un avvocato arrembante, che rischiamo di essere messi alla gogna. Una situazione difficile: c’è un pressante e continuo terrore di una denuncia che fa stare in apprensione il mondo sanitario. Una situazione che rischia di essere la vera causa scatenante di guasti seri. Un Operatore che non è sereno è un Operatore pericoloso! E, difficilmente si può essere sereni, quando al mattino si esce di casa da persone perbene e c’è il rischio di farci ritorno al pomeriggio additati come pericolosi criminali.
Chiediamo di lavorare con perizia e coscienza, come abbiamo sempre fatto. Desideriamo la fiducia dei pazienti e dei loro familiari perché il loro benessere é la nostra missione. Se sbagliamo vogliamo risponderne, ma ingiustamente no! É improduttivo per tutti sparare nel mucchio! Chiediamo ai cittadini di Livorno di comprendere che diamo il massimo delle nostre energie, anche al di lá di obblighi contrattuali e in condizioni di lavoro estreme, spesso sottraendo tempo ai nostri cari, agli amici, al riposo personale.

CIRCOLO SALUTE PD Livorno

Riproduzione riservata ©