Ok sognare in grande sindaco ma iniziamo a tagliare l’erba in via Sauro

Mediagallery

E’ certamente apprezzabile che il sindaco Nogarin coltivi grandi sogni per la Livorno del domani e sarà la prova dei fatti a determinare il giudizio. Cosi mentre attendiamo di veder realizzati ” il lotto zero per l’ Aurelia da Chioma al Maroccone; la metropolitana leggera che collega le tre stazioni livornesi, mentre attendiamo un ospedale ristrutturato al posto del nuovo, ma sapendo che si tratta di obiettivi medio-lunghi vorremmo accontentarci, al momento, di vedere una inversione di tendenza rispetto al passato sul decoro della città. Così mentre il sindaco pensa a come dare attuazione all’obiettivo di rifiuti zero in modo da bloccare la terza linea del termovalorizzatore è opportuno segnalare che per quanto riguarda l’ organizzazione del taglio dell’ erba e raccolta di rifiuti nulla è innovato rispetto al passato. La settimana scorsa, dopo che l’erba dell’ spartitraffico del viale N. Sauro aveva raggiunto dimensioni significative è stato effettuato il taglio ma con due omissioni:

1) Gli incaricati hanno provveduto a raccogliere l’erba ma hanno lasciato i rifiuti, in modo tale che cartacce, lattine e altro, non più nascoste dalla rigogliosa vegetazione,hanno fatto bella mostra di se.

2) Inspiegabilmente, non è stata tagliata l’ erba dalla nuova aiuola-rotatoria che continua a crescere fornendo un contributo non di poco conto alla limitazione della visibilità nel transito dei veicoli. ( foto allegata )

Ritengo che la rotatora di viale Sauro sia inutite e dannosa e costituisca un ” cattivo monumento ” del precedente assessore alla mobilità ma, considerato che c’è, si prenda in considerazione di tagliere l’erba.

Sono sicuro che il sindaco che si è proposto di ” cambiare verso a 5 stelle ” disporrà di procedere con grande solerzia e non sarebbe male se richiamasse con vigore il responsabile che ha gestito l’operazione.

Claudio Ceroni

Riproduzione riservata ©