No alla Ztl in Venezia, parte la raccolta firme. I commercianti alzano la voce

"Vogliamo un centro storico degno della propria storia, dove investire in cultura in modo da renderlo trampolino di lancio per una tanto acclamata e aspettata ripartenza della città"

Mediagallery

Nella giornata di lunedì 4 aprile si è tenuta una importante riunione dei commercianti della Venezia per discutere dei problemi del quartiere e sopratutto dell’introduzione della Ztl. Ecco la lettera che ci hanno inviato i negozianti riuniti nel centro commerciale naturale. “L’idea di attuare una Ztl, “nuda e cruda”, che ha portato a scontentare tutti, è insensata. Dopo vari incontri con il comune per discutere e cercare di modificare una scellerata decisione venuta dalla vecchia amministrazione ,e attuata dalla nuova, ad oggi non abbiamo avuto nessuna linea di cambiamento Noi commercianti vogliamo che il quartiere sia di tutti e sopratutto alla portata di tutti, quindi nei prossimi giorni partirà una petizione popolare. La raccolta firme sarà contro la ZTL e a favore dell’attuazione di una area pedonale dove si penserà: alla sistemazione dei parcheggi per i residenti alla riqualificazione del quartiere e alla sicurezza. Un centro storico che sarà degno della propria storia, dove investire in cultura e finalmente godere delle sue bellezze in modo da renderlo trampolino di lancio per una tanto acclamata e aspettata ripartenza della città”.

Riproduzione riservata ©