Negata l’iscrizione all’Iti. Era il sogno di mia figlia

Mediagallery

Cara redazione,
il mio nome è Monica Tuchel, sono una volontaria presso l’associazione A.P.I.C.I. e una mamma di due bimbe :Sarah e Alessia Muru. Vorrei raccontare la mia indignazione e vi prego con il cuore di una mamma di aiutarmi. Mia figlia maggiore Sarah Muru è dall’ottobre dell’anno scorso che vuole cambiare scuola. Ci tengo a precisare che la ragazza frequenta l’Istituto Superiore Francesco Cecioni qui a Livorno, ha finito la seconda superiore alla sezione Scienze Umane. È una brava studentessa con la media dell’8. Tengo inoltre a precisare che sia nel mese di ottobre dell’anno scorso che a febbraio di questo anno mi sono presentata alla segreteria del Istituto Superiore del Liceo Itis Galileo Galilei chiedendo l’ammissione di mia figlia presso questo Istituto alla sezione Biotecnologie Sanitarie e mi è stata detto che non potevo fare il trasferimento durante l’anno scolastico ma che la bimba avrebbe dovuto aspettare di finire l’anno scolastico al Cecioni e che per il passaggio alla sezione Biotecnologie Sanitarie dell’Iti avrebbe dovuto sostenere un esame di ammissione cioè il recupero di quattro materie che lei non ha fatto al Cecioni. Nel frattempo la bimba è tornata per altre due volte chiedendo il programma scolastico di queste quattro materie per iniziare a studiarle e gli è stato detto di non preoccuparsi perché con la media dell’8 non ci sarebbero stati dei problemi per lei e di presentarsi alla fine dell’anno scolastico per l’iscrizione. L’altro giorno mi sono presentata al liceo per fare l’iscrizione di mia figlia e mi è stato detto che non ci sono posti per la sezione Biotecnologie Sanitarie di scegliere. Ho raccontato quello che è successo alla bimba e si è subito disperata perché le è stato negato il suo sogno di frequentare questa scuola. Mia figlia è da gennaio che si sta preparando per questo esame conciliando con tanto sacrificio lo studio per entrambe le scuole. Perché viene negato a questa ragazza che ha voglia di studiare di seguire il suo sogno per la colpa della burocrazia, che colpa ne ha questa ragazza che è stata illusa ad un’età cosi fragile e delicata!? Tengo a precisare una cosa: mia figlia sono due notti che da quando ha avuto la notizia non riesce a dormire ed ha avuto anche un forte attacco di panico. Non ritengo giusto in qualità di genitore ma soprattutto da mamma che questo accada, NON È GIUSTO!! Vi prego di cuore di ascoltare la mia indignazione, queste cose non devono più succedere, vi prego di aiutarmi,IO NON MI FERMERÒ QUI sono disposta ad andare oltre a qualsiasi costo. Vi chiedo disperatamente di aiutare mia figlia,non posso accetare questa ingiustizia,mia figlia c’è rimasta troppo male!!
Un’ultima cosa: mia figlia ha tutto il diritto di frequentare la scuola che ritiene più giusta che possa darle un futuro. Perché si deve accontentare!!!

Riproduzione riservata ©