Moby, a ruba le t-shirt #iosono141

Davanti il logo #iosono141 e sul resto la scritta “verità e giustizia sul moby prince”. Richieste anche dall'estero attraverso la pagina Facebook “Quelli che esigono la verità sul moby prince” o su quella di twitter #iosono141

Mediagallery

Nei mesi scorsi avevamo lanciato la campagna #iosono141 in cui ogni cittadino poteva dichiararsi la 141 Vittima della tragedia sentendosi privato del diritto alla Verità, sentendosi indignato per la mancanza di giustizia, una frase che dava il senso del condividere il dolore e la battaglia affinchè a distanza di 24 anni si possa finalmente dare delle risposte ai mille perché di quella notte.
Oggi dopo il voto unanime del Senato che ha sancito la nascita di una Commissione d’inchiesta sulla strage, la campagna ha avuto un forte impulso, abbiamo preparato e fatto stampare una maglietta (al laboratorio Gattabuia) che davanti riposta il logo #iosono141 e sul resto la scritta “verità e giustizia sul moby prince” la maglia è rigorosamente rossa, come il sangue, come il fuoco, come la rosa che gettiamo in mare, come l’amore e la passione che ci legano alle 140 Vittime. I primi a indossarla sono stati Nogarin, Bacci Filippi e Gazzetti in occasione della serata in cui abbiamo ringraziato il Senato per il voto unanime che ha fatto nascere la Commissione d’inchiesta, poi le prime 100 maglie sono andate esaurite tra i miei colleghi delle poste di via Masi, come se con un gesto anche simbolico si volesse dare il senso di una Comunità che non dimentica, che vuole assieme a te condividere il percorso che porterà la Commissione finalmente ad accertare responsabili e responsabilità. Le magliette ci vengono continuamente chieste dall’Italia e dall’estero sulla nostra pagina Facebook “Quelli che esigono la verità sul moby prince” o su quella di twitter #iosono141, presto ci organizzeremo per le spedizioni, magliette e altro materiale saranno disponibili in via della Madonna alla Piccola Bottega del Commercio equosolidale e alla Festa della Sinistra di SEL oppure contattando direttamente Rispoli.

Loris Rispoli

Riproduzione riservata ©