“Mia figlia salvata sull’autobus, grazie di cuore a tutti”. Ctt: daremo encomio all’autista

Mediagallery

Quante volte ci lamentiamo di ogni qualsivoglia situazione: fila alla Asl, lentezze allo sportello, urliamo e litighiamo in situazioni inutili, protestiamo perché l’autobus è in ritardo di due minuti o perché è troppo pieno o perché è troppo vuoto, etc. etc. Ma noi siamo livornesi e ne siamo fieri: cacciucco, grande sensibilità, grande disponibilità e un cuore d’oro. Questo è il nostro motto.
Oggi ho il piacere di ringraziare pubblicamente il servizio trasporto Ctt e il suo personale. Ecco i fatti. Martedi 17 mia figlia con il suo fidanzato si trovava sull’autobus di linea urbana n. 6 verso le ore 15,30, quando nei pressi di piazza Cavour si sentiva male e sveniva. Sono stato chiamato per telefono e nel più breve tempo possibile sono subito accorso. Quando sono arrivato con mia grande meraviglia ho trovato l’autobus vuoto con solo la presenza di mia figlia, fidanzato e l’autista  Riccardo Meoni, autorizzato dalla direzione che senza darmi fretta e con tanta gentilezza, serenità e grande professionalità era a completa disposizione di mia figlia. Bene ringrazio prima di tutto il signor Meoni per la disponibilità, la direzione dell’azienda Ctt per l’attenzione a chi in quel momento aveva bisogno e poi le persone che sono dovute scendere per prendere un’altro autobus magari dovendo ritardare ad un proprio impegno.
Grazie, grazie di cuore a tutti.
PS: Mia figlia adesso sta bene. Grazie.

Renato Calì

Ctt risponde – La direzione Ctt Nord esprime compiacimento per il comportamento tenuto dal nostro conducente Riccardo Meoni in data 17 giugno u.s., quando, intorno alle ore 15.30 nei pressi di Piazza Cavour, ha prestato soccorso ad una passeggera, come da segnalazioni pervenute da Codesta Redazione. Felici anche del buono stato di salute della ragazza, l’azienda comunica che provvederà ad emettere una nota di encomio al dipendente.

Riproduzione riservata ©