Quel maxi capannone al cantiere deturpa il panorama

Vorrei sapere chi ha autorizzato la costruzione del capannone nella proprietà Benetti, all’inizio del lungomare cittadino, e che copre una parte del paesaggio di mare deturpando non poco lo scenario della costa. Probabilmente fa parte di un accordo che ha visto abdicare l’ amministrazione comunale “old political parties” a favore della logica di speculazione e degli interessi privati. Invito la redazione di QuiLivorno.it ad approfondire la questione che ha provocato disapprovazione e critiche tra i cittadini con ampie attese da larga parte dei suoi lettori.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # èvero

    Direi che ha indovinato ma che il concorso è stato chiuso da tempo perchè gli elettori se ne sono accorti e hanno licenziato i responsabili !

  2. # benito

    Ma questa amministrazione comunale non potrebbe bloccare la costruzione in attesa di una verifica degli atti. È veramente un’offesa al paesaggio marino e all’architettura del complesso di cui fa parte…Occorre una racolta di firme ed una denuncia…in attesa di fare chiarezza.

  3. # mario di borgo

    CREDO CHE QUILIVORNO POTREBBE DARE UNA MANO AD UN’INIZIATIVA RIVOLTA AD UNA VERIFICA DELLA REGOLARITA’ DELLA COSTRUZIONE. A ME I CAPANNONI SEMBRANO DUE E STRIDONO DAVVERO CON IL PAESAGGIO. DA CASA MIA SI RIDICE IL PANORAMA DELL’INGRESSO DELLE NAVI NEL PORTO. MA NON E QUESTO IL PUNTO. LA COSTRUZIONE VA BLOCCATA.

  4. # Matteo

    Dove lo dovevano fare il capannone a Montenero o al Cisternino così si consumava altro verde a favore del cemento per salvaguardare un’area che è già cementificata? Dopo quello schifo che hanno fatto a porta a terra se costruiscono in zone già urbanizzate non c’è che da esserne contenti.

  5. # Dott. J.

    E’ un vero schifo, e’ possibile che nessuno si sia opposto alla costruzione…???…

  6. # leonardo

    è vero NON VEDO PIù IL FARO !!!!
    MA QUEL CAPANNONE DA LAVORO A TANTE PERSONE COMPRESO L’INDOTTO
    se non vedi il panorama vai più in la che lo vedi

  7. # adriano

    ma vergognatevi a criticare di quel capannone che porterà lavoro a decine di persone ce ne vorrebbero tanti come era il cantiere decine di anni fà con oltre 2000 addetti a lavorarci
    meglio gli appartamenti che resteranno una cattedrale nel deserto

  8. # claudio.b

    E’ vero, quel capannone è proprio un pugno in un occhio!

  9. # Gilberto Gibi

    Fà “pendant” con l’Abominevole Obbrobrio della Regina !!!!!

  10. # asciugati

    Il risultato è in linea con quello dello Scoglio della Regina. L’unica differenza è che il capannone è in privato e l’architetto risponde al proprietario e alla legge mentre per l’altro “capolavoro” sono stati usati 7 milioni di soldi pubblici e i responsabili sono dipendenti comunali !

I commenti sono chiusi.