Le soffiano la borsa dalla sedia del ristorante. Poi usano i bancomat. Ecco come è andata, aiutatemi

Mediagallery

Disavventura per una nostra lettrice derubata mentre si trovava al ristorante. Ecco la lettera con la speranza di poter ritrovare la borsa.

La lettera – Venerdì 24 luglio 2015 sono andata insieme a mio marito dopo una giornata di lavoro a mangiare una pizza al ristorante Lo Squalo a Tirrenia alle 20,55 il cameriere ci ha fatto sedere al tavolo e solo a fine cena e cioè circa alle 21,55 quando cerco la mia borsa per prendere una sigaretta che avevo appeso dietro la mia sedia come faccio sempre mi sono resa conto che non c’era più potete immaginare lo spavento non ci credevo. Il ristoratore mi ha detto che dietro di me c’era una tavolo di due coppie straniere e siccome le sedie erano molto vicine la mia con la loro non é stato molto difficile rubarla. Nella mia borsa c’era tutto come in ogni borsa di una donna carta di credito bancomat tessera sanitaria patente carta identità svariate card che al momento nemmeno ricordo chiavi di casa con relativo allarme chiavi auto apri cancello del mio condominio libretto assegni €120,00 in contanti occhiali chiavi dell’ambulatorio di mio marito certificati medici avevo (fatto una visita a Cisanello proprio questo pomeriggio). La prima cosa che ho fatto ho bloccato la carta di credito dicendomi che avevano già fatto due tentativi di prelievo una di 100,00 alle 21,09 alla banca popolare di Pisa e l’altro di 200,00 euro alle 21’34 al banco di Sardegna di Livorno che però non sono andati a buon fine perché hanno sbagliato il pin per quanto riguarda il bancomat non possono dirmi se hanno fatto dei prelievi fino a lunedì (é successo di venerdì ) fino a che non riapre la mia banca. Vi chiedo solo se mai avessero gettato il borsellino con documenti da qualche parte e qualcuno lo avesse trovato di portarlo a questa redazione affinché possa essere contatta, ringrazio tutti in anticipo. La redazione potrà inviarmi una mail a l’indirizzo di questa mail. Grazie ancora.

Alessandra Brega

Riproduzione riservata ©