“Le mie vite” di Otello Chelli alla Erasmo

Mediagallery

“Annina è eterna…/è Livorno/il suo mare azzurro/l’odore del suo porto/le urla e il chiasso/di Piazza delle Erbe/la bellezza delle case/affacciata sui fossi./È la città che ho avuto/la fortuna di conoscere/possedere, fondermi/la Livorno delle cene all’aperto/della chitarra e delle canzono/degli sguardi sottesi/delle carezze pudiche ed ardite/del chiacchericcio su tutto/del sorriso aperto a franco/della parola sboccata/ma quanto intelligente!……”. Sono solo alcune strofe della poesia “Sull’Annina di Caproni” tratta dal nuovo libro di Otello Chelli “Le Mie Vite” (Edizioni del Boccale); libro che sarà presentato al pubblico sabato 20 febbraio, alle ore 17,30, alla Libreria Erasmo di via degli Avvalorati, 62. libro e autore saranno presentati dalla prof.ssa Anna Maria Citi.

La vita privata, la vita pubblica, le vite sognate: per quanto di diversa ispirazione, tutti i testi di questa silloge sono in qualche misura autobiografici. Nel libro vi considerazioni su temi personali, riflessioni sui grandi eventi della storia del Novecento, ritratti che sono proiezioni dell’autore, sogni o ricordi di altre vite vissute in altri tempi, in altri luoghi… Comune a tutte le sezioni la medesima sensibilità di Otello Chelli: un guerriero che ama la pace.

Otello Chelli, nato a Livorno nel 1933, iscritto giovanissimo al Pci, è stato segretario della sezione di Shangai e segretario del sindacato dell’azienda Atam di Livorno. Nel quinquennio 2004-2009 è stato consigliere comunale. Da giornalista ha partecipato alla fondazione del quotidiano Il Manifesto e collaborato con giornali e rotocalchi, tra i quali Il Tirreno.

Autore di numerosi romanzi e racconti, ha pubblicato gratuitamente libri per il mondo cooperativo e associazionistico livornese, ambientando molti suoi testi a Livorno e in particolare nella sua Venezia: tra questi La stirpe di Morgiano, autobiografia dei suoi primi quattordici anni, Sinagoga e Rizio. Alla produzione narrativa si affianca anche una vasta raccolta di poesie.

 

 

Riproduzione riservata ©