La povertà che spinge ad entrare dentro i cassonetti. FOTO

Mediagallery

Vorrei segnalare la situazione di pericolo che si può venire a creare nel momento in cui persone entrano letteralmente all’interno dei cassonetti per rovistare e tirare fuori cose utili.
Al di là del fatto che tali operazioni vengono svolte sotto gli occhi attoniti di tutti, alle 17,00 di un giorno di festa e che tutta la roba estratta e ammucchiata fuori dei contenitori non offre certo un bello spettacolo, c’è altresì da considerare l’aspetto del rischio sia infortunistico che sanitario. Peraltro i cassonetti stanno diventando luoghi di scambio, e non è infrequente che cittadini animati anche da buone intenzioni lascino accanto ai cassonetti buste e borsoni con vestiari dismessi ed altri oggetti che vengono poi riciclati da questi personaggi.
Tutto ciò non giova certamente alla pulizia e contribuisce ad aumentare la sensazione di degrado che si ha osservando le nostre strade. Vorrei infine ricordare che i capi di abbigliamento e le scarpe che non vengono più utilizzati possono essere portati alla Caritas a Torretta, dove verranno destinati ai più bisognosi. Per sedie, tavolini, box doccia e quant’altro viene invece quotidianamente purtroppo abbandonato accanto ai cassonetti ricordo che ci sono le oasi ecologiche per smaltirli correttamente, e qualora si fosse impossibilitati si può richiedere il passaggio di un mezzo per rimuoverli. Grazie.
Lettera firmata

Riproduzione riservata ©