Deiezioni canine. “Più controlli da aprile”

Mediagallery

Buongiorno a tutti i miei cari concittadini livornesi. Ancora una volta un cittadino livornese come voi scrive a Quilivorno.it per sottolineare il comportamento incivile e indisciplinato di alcuni proprietari di cani. Premetto che non ho nulla contro i cani, sia ben chiaro, sta di fatto che siamo arrivati ad un punto tale di inciviltà e menefreghismo da parte di molti padroni dei cani, che una soluzione per contrastare questa mentalità va velocemente trovata. Abito in zona S.Marco, oggi per l’ennesima volta, ho visto una padrona di un cane che, appena uscita dal portone di casa, ha fatto orinare il cane sulla portiera di una macchina situata di fronte al portone, parcheggiata regolarmente lungo la via. Almeno un litro di urina sicuramente entrata dentro la guarnizione della portiera, per poi far fare al cane, dopo una decina di metri il secondo bisogno contro un motorino sempre parcheggiato. Volete capire che portoni, motorini, biciclette e automobili non sono gli orinatoi dei vostri cani, almeno abbiate la compiacenza e l’educazione di strattonarlo 30 centimetri per fargliela fare altrove. Questi padroni, strafottenti, menefreghisti verso il prossimo, e a dir poco incivili, insieme a quelli che non raccolgono gli escrementi dei cani, stanno veramente esasperando il 70% dei livornesi che, pur amando gli animali, non ne possono più di questo sporco e di questa maleducazione. Lo dimostra il fatto che ogni articolo che parla dell’inciviltà dei padroni dei cani, fa più di 100 interventi di cittadini arrabbiati.
Contro questa maleducazione e inciviltà ci vuole una risposta dura e decisa da parte della polizia municipale, magari con nuclei in borghese che si occupano solo della disciplina e del rispetto dei regolamenti sugli animali, visto che è un problema molto sentito dalla maggioranza dei livornesi.
Ormai ho capito che l’unica cosa che dobbiamo fare tutti insieme sono singoli esposti dove si rappresenta il problema e consegnarli al sindaco. Con questo concludo dicendo che ho il massimo rispetto nei confronti dei proprietari dei cani civili ed educati e chiedo proprio a loro la cortesia di aiutarci a risolvere il problema verso chi, invece, a differenza loro civile ed educato non è.
Luca

La Polizia Municipale risponde – “Prima di tutto voglio sottolineare la nostra carenza d’organico: 35 unità sotto quanto previsto – spiega la dottoressa Michela Pedini titolare della posizione Organizzativa, Sezioni Territoriali Sicurezza e Mobilità della municipale -e per quanto possiamo e nelle nostre capacità strutturale facciamo già molti controlli al riguardo. Per quanto riguarda le deiezioni dei cani e i cani condotti senza guinzaglio che sono fenomeni connessi. Nei parchi infatti spesso i padroni sciolgono i cani e poi non controllano dove il loro amico peloso lascia un ricordino. Per queste due cose esiste già il nostro servizio in borghese che è comunque un servizio laborioso e molto difficile. Un servizio che da aprile verrà sicuramente potenziato quindi ben vengano queste segnalazioni a Quilivorno.it in modo da aiutarci anche noi a capire quali zone attenzionare maggiormente rispetto ad altre. Alla fine quelli che non raccattano sono sempre i soliti”.

Riproduzione riservata ©