‘Derubata all’Ipercoop, sbarre anti furti nel parcheggio’

Mediagallery

Egregio direttore del centro commerciale “Fonti del Corallo”,
qualche giorno fa ho subito un furto all’interno del parcheggio coperto del magazzino Ipercoop Fonti del Corallo, qualcuno appostato dentro un’auto ha approfittato purtroppo della mia distrazione e quando sono andata a posare il carrello, senza provvedere a chiudere la centralizzata dell’auto mi ha soffiato la borsa che avevo appoggiato all’interno del mezzo. Ma ormai siamo talmente abituati a sentire certe notizie che più che un reato viene quasi considerata una cosa normale, una abitudine quotidiana. “Ti hanno rubato la borsa in quei cinque secondi che sei andata a posare il carrello? Bhe ma è normale che ci siano i ladri in giro, sei te che non sei normale a distrarti per cinque secondi!! E così ti senti non una ma due volte , anzi tre! Ho scoperto infatti che all’interno dei parcheggi coperti a causa della “spending review” le telecamere sono presenti solo in corrispondenza delle uscite di sicurezza, tutte le altre sono state tolte. Ma certo perchè noi viviamo in una società dove i ladri possano muoversi liberamente senza rischiare nulla di nulla e che abbiamo garantiti tutti i loro buon diritti, qualora dovessero finire in carcere e noi cittadini onesti che crediamo ancora nei valori,nel rispetto per gli altri e siamo ancora convinti di vivere ancora in un paese democratico dove la giustizia ti fa sentire orgoglioso di essere Italiano, siamo costretti a vivere nel terrore di essere fregati,saccheggiati ad ogni angolo e in qualsiasi e burlati non solo dai ladri…
E’ normale secondo Lei che in un magazzino del genere, frequentato da migliaia di persone ogni giorno, all’interno del quale ogni giorno si verificano furti di tal genere, ( e questo mi è stato riferito sia dai carabinieri,dai pochi vigilantes rimasti all’interno del magazzino e anche dai negozianti) porre dei tagli in tal senso? o forse sensato risparmiare su altre cose ma garantire la sicurezza alle migliaia di livornesi e non che frequentano ignari il centro commerciale che lei dirige?
Un consiglio: invece della solita musichetta di sottofondo, perchè non manda una registrazione audio che mette in guardi i suoi clienti da certe situazioni , magari ogni 15 minuti , forse potrebbe servire e non avrebbe alcun costo. E già , ma lei penserà che questo metterebbe in cattiva luce il centro commerciale, e allora è meglio salvare l’immagine , tapparsi gli occhi e tacere il più possibile quella che oggi è una triste realtà. Perchè non mette un parcheggiatore con tanto di sbarra all’ingresso e all’uscita dal parcheggio coperto? Forse sarebbero meno invogliati a venire all’interno di un parcheggio custodito, il costo credo che sia ampiamente supportabile dal bilancio di una struttura del genere.
E’ troppo facile dire ” mancano i fondi non si può fare, dimezziamo il servizio” , di soluzioni economiche per salvaguardare il più possibile il cliente ce ne sono a bizzeffe , io ne ho appena suggerite due , riusciere ad ottenere la fiducia di un cliente è molto difficile a perderla è un attimo…

Laura Ceccolini

Riproduzione riservata ©