Dentisti, fatevi avanti! All’ospedale c’è bisogno di voi

Mediagallery

Sono una delle tante mamme livornesi che hanno messo in lista il proprio figlio per le cure ortodontiche all’Ospedale. Se l’ho fatto, non è per divertimento: il bimbo ha un indice di gravità Iotn 4 su 5, avrebbe davvero bisogno di essere seguito, e portare degli apparecchi. Sono disoccupata, per cui non ho alternative: o l’ospedale, o l’ospedale. Ovviamente c’è una lista lunghissima, e il motivo è che c’è un solo dottore che si occupa di tutti i casi in lista. Siamo tutti esseri umani, quindi anche quel dottore di cui non ricordo il nome fa quel che può, ma ha solo due mani, ed è travolto da una vera e propria fiumana di bambini. Quand’ero piccola, fui curata in ospedale solo grazie all’impegno di un grande dottore, Novelli, che una volta disse: “Col lavoro al mio studio mi ci mantengo; qui in ospedale ci vengo perché vorrei poter curare tutti i ragazzi che posso, fin da piccoli”.
Vorrei tanto che qualche dentista raccogliesse il suo testimone, e facesse la stessa cosa: non c’è bisogno di trasformarsi in missionari, santi e martiri. Sarebbe bello che almeno due o tre dentisti livornesi dedicassero le loro mattinate al lavoro gratuito in ospedale, e i pomeriggi al loro lavoro privato negli studi. Questo non li renderebbe certamente più poveri, ma casomai più ricchi come persone e come esperienza, e aiuterebbe tanti ragazzini della comunità che non possono aspettare anni e anni per le cure di cui hanno bisogno. Non credo che l’ospedale rifiuterebbe un aiuto del genere, visto che non gli costerebbe un euro; per cui, per favore, fatevi avanti, abbiamo bisogno di voi.

Riproduzione riservata ©