Degrado e pochi controlli. Basta!

Mediagallery

Prima la giunta del PD o DS o come si chiamava, poi i 5 Stelle , ma l‘abbandono e il non far nulla o quanto meno molto poco non è assolutamente cambiato. La prova? E’ che in questi ultimi mesi invernali continuano “incidenti vari” nella zona centrale della città, vedi furti nei locali di via Serristori, via Grande, risse nella zona di via Buontalenti, e piazza della Repubblica, e poi proseguiamo con scippi via Cossa e via del Tempio….ed altre cose ancora.
Il degrado che deriva da sporcizia, cantieri aperti in disuso da anni, illuminazione priva di luce vera (anche se ultimamente sono stati installati alcuni lampioni abbastanza validi), mancanza di controlli nella zona da parte delle forze dell’ordine in special modo nello ore serali e notturne, ed altre cose ancora.
Il tutto segnalato da mesi o meglio da anni sia dagli abitanti delle zone sia da i commercianti. Ed invece risposte a queste problematiche: zero….la cosa più importante sembra essere quella di sguinzagliare vigili nello ore mattutine o del primo pomeriggio ad elevare multe per divieti di sosta.
Ora è vero che può essere una cosa giusta ma ritengo e penso che tutto il popolo del centro richieda invece un maggior controllo ed una migliore qualità di vita del centro livornese (pulizia delle strade, sistemazione dei marciapiedi, cassonetti e strade pulite dalla sporcizia tutti i giorni e non sporadicamente, controllo dei cantieri di Lavoro facendo rispettare i tempi di concessione, ed altre cose ancora…)
Per finire vi allego le foto relative all’episodio accaduto nella tarda serata del 20 gennaio 2016 in via dei Carabinieri alle ore 21.30 circa…e così andiamo avanti. Ora queste persone che compiono questi atti si sentano forti anche dal fatto che dopo 1 o 2 giorni sono già fuori di galera e liberi di rifare tutte quelle malefatte che in altre nazioni vengono severamente punite. Nella speranza che questa mail venga letta e pubblicata e che la si giunga ad una “risoluzione dei problemi velocemente”.

Marco Giolli

Riproduzione riservata ©