Degrado alla stazione, tra topi e prostitute

Mediagallery

Gentile redazione vi scrivo per segnalare un altro esempio di degrado in cui versa ormai da mesi la nostra città. Ore 19.50 del 19 febbraio, mi fermo con l’auto nei pressi della stazione centrale all’incirca in corrispondenza della fontana. Attendevo lì alcuni amici per poi recarci a cena. Mentre aspetto mi cade l’occhio sui prati adiacenti è noto degli strani movimenti. Li per lì mi sono detto: che bello ci sono gli scoiattoli ( sono tornato da poco da Toronto e li se ne vedono moltissimi nei piccoli parchi cittadini) ed invece ad una più attenda analisi vedo prima uno poi due poi cinque ratti che scorrazzano liberamente accanto alle panchine. Vi allego le foto che mi sono divertito a fare. Aggiungo due aspetti di colore ma comunque interessanti. Il primo: sono rimasto fermo non più di 10 minuti, oltre ai topi in soli 10 minuti sono stato anche avvicinato da una “ragazza di facili costumi” che senza gran timore si è offerta per vari servizi. Il secondo aspetto: poco dopo aver fatto le foto nella panchina di fronte a me si è seduto un anziano con nipote al seguito… In effetti non erano nemmeno le 20…Gli amici ratti ( o tarponi alla livornese) non si sono fatti scrupolo di avvicinarsi senza timore al bambino ed al nonno… A voi ogni commento.
Mi scuso per le foto ma il cellulare non ha un grande zoom e io di avvicinarmi non ci ho nemmeno pensato.
Un saluto e complimenti per il bel servizio che fate alla città, spessissimo sono fuori per lavoro e grazie a voi mi tengo informato di tutto ciò che succede e spesso, sono sincero, mi fate anche sorridere con tutti i commenti degli amici livornesi.
Riccardo Orsini

Riproduzione riservata ©