“Comune efficiente? Ecco i punti sindaco”

Mediagallery

Prendiamo atto che questa nuova Amministrazione ha nominato un Assessore con delega specifica e primaria al Personale e che quindi potrà dedicarsi alle tematiche dei lavoratori comunali con la giusta attenzione come la rilevanza delle questioni aperte richiede e per questo motivo abbiamo fatto formale richiesta di un incontro con voi per approfondirle. Nel Comune di Livorno la CGIL è un sindacato con una vasta base di rappresentatività sia come iscritti, sia come rappresentanti all’interno della RSU per questo chiediamo alla nuova Amministrazione un canale di ascolto sempre aperto al contrario di quanto avvenuto troppo spesso con l’Amministrazione uscente. Chiediamo che le nostre istanze proprio perché sono le istanze dei lavoratori vero cuore e motore della “macchina comune” siano sempre accolte con attenzione e spirito di confronto. Auspichiamo che mai più accada che le legittime rivendicazioni di chi col proprio lavoro quotidiano eroga servizi ininterrotti ai cittadini passino sotto silenzio e cadano nel nulla. E rivendichiamo per questo con orgoglio il nostro ruolo di “rappresentanza” dei lavoratori comunali e dei loro interessi.Certi quindi che la nuova Amministrazione ci darà chiari segnali di attenzione e ascolto e nell’attesa di una rapida nomina della nuova delegazione trattante facciamo il punto sulle vertenze ancora aperte dopo l’ultima commissione trattante:

1. trattativa contratto decentrato 2014 con richiesta di implementazione del fondo della produttività fino a raggiungere almeno la cifra di 1.200.000 euro

2. redazione dei piani di razionalizzazione con conferimento nel fondo del salario accessorio dei dipendenti delle correlate risorse
e inserimento dei piani di razionalizzazione negli obbiettivi annuali di ogni dirigente

3. richiesta di approvazione del regolamento di mobilità interna

4. richiesta di approvazione del regolamento per il conferimento delle posizioni organizzative e delle funzioni nuovi tavoli da avviare in tempi brevi:

1. modifica del regolamento della performance nei seguenti temi:
introduzione di un reale contraddittorio
introduzione della valutazione dal basso
definitivo superamento delle fasce di merito

Rivendicazioni specifiche nei singoli settori:

scuole:
NO all’applicazione del nuovo regolamento regionale sui nidi che abbassa i livelli di qualità e di sicurezza dei nidi livornesi

NO ad ogni tentativo di esternalizzare gli attuali servizi comunali per quel che riguarda nidi e scuole infanzia

SI a definire con concertazione regole chiare e precise sulle sostituzioni delle educatrici

SI a finanziare progetti di formazione di qualità sulla base delle richieste formative provenienti dalle educatrici stesse

SI per attingere le nuove assunzioni equamente da tutte le graduatorie vigenti nell’ente

Polizia Municipale:
SI al percorso partecipato sulla proposta di nuovo turno di lavoro su 5 giorni lavorativi

SI alla stesura di nuovi accordi di programma con le altre Forze dell’Ordine per garantire la presenza sul territorio che per ora grava in modo quasi esclusivo sul corpo della PM.

Si a nuovi locali di lavoro più sicuri e confortevoli

Servizi Cimiteriali:
SI alla valorizzazione anche di immagine di un settore che eroga servizi necessari
SI allo stesso orario di lavoro in vigore allo Stato Civile in quanto il servizio erogato è lo stesso suddiviso su due UO differenti

Servizi Sociali:
Si al nuovo accordo di programma con la ASL 6 per definire in modo chiaro ruoli e competenze in quanto adesso le assistenti sociali comunali si fanno carico anche di aree di competenza ASL come handicap e anziani

NO alla reperibilità del sabato considerando che il periodo di prova ha dimostrato l’inutilità funzionale ed economica di questo istituto.

Si ad una nuova organizzazione che preveda maggiori connessioni tra servizio sociale e politiche abitative

Si a rendere maggiormente operativa e quindi risolutiva la figura dell’assistente sociale e non soltanto una professionalità di ascolto del disagio cittadino senza molte possibilità di intervenire nel merito con soluzioni rapide

Circoscrizioni e Decentramento:
Si all’organizzazione del lavoro con il modello dello sportello polifunzionale
Si a un maggiore confronto con il gruppo di lavoro dell’anagrafe centrale per uniformare procedure e tempistiche
Si a una maggiore formazione sopratutto in ottica di accoglienza dell’utenza straniera
Si a nuovi locali di lavoro più sicuri e confortevoli

Per la Segreteria CGIL Aziendale Rossana Galli

Riproduzione riservata ©