Arresto in diretta, grazie agli agenti per il loro lavoro

Mediagallery

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di ringraziamento nei confronti degli agenti delle volanti che hanno arrestato due malviventi colti sul fatto nella notte tra lunedì 31 e martedì 1°settembre. A scriverla è proprio Riccardo Rossato, presidente del Cda PalaLivorno Srl che, svegliato nel cuore della notte, ha assistito in diretta alle operazioni della polizia. “Un sincero grazie per quello che fate”.

La testimonianza diretta –  Nella notte fra il 31 agosto e il 1° settembre ho assistito ad un’operazione delle volanti della polizia di Livorno che hanno catturato due malviventi che stavano compiendo un furto all’interno della Palazzina delle Acli.
Svegliato in piena notte da una signora che abita nella struttura e che era in preda al panico per i forti rumori provenienti dai piani sottostanti, ho chiamato il 113 che prontamente ha inviato due pattuglie sul posto. Il tempo di prendere l’auto e di recarmi sul posto (dove abbiamo gli uffici Caf delle Acli in Via Cecconi), ho trovato il personale delle volanti che aveva accerchiato i malviventi intimando loro di fermarsi e di sdraiarsi a terra.
I ladri hanno devastato gli uffici e messo in serio pericolo l’attività dell’Associazione delle Acli senza peraltro trovare valori che per abitudine non conserviamo nella struttura.
Racconto questo episodio per sottolineare quanto sia stata efficiente l’opera degli agenti in servizio, rapida, coraggiosa e corretta. È una delle occasioni in cui in maniera orgogliosa puoi dire che lo Stato c’è e che in alcune situazioni ti fa sentire veramente protetto. Il lavoro degli agenti non si è esaurito con l’arresto dei soggetti ma è proseguito fino a mattina con la raccolta delle denunce e dei verbali, un lavoro certosino a cui ho assistito e che mi ha fatto ancora una volta riflettere su cosa sarebbe la società senza l’apporto di persone che ancora credono in quello che fanno come gli agenti in servizio questa notte.
Riflettere su come spesso, viziati dai “movie polizieschi”, si pensi al lavoro dei poliziotti come qualcosa di “virtuale” dove l’adrenalina scorre in maniera controllata e artefatta, dove le azioni si concludono con sorrisi e pacche sulle spalle, quando invece si tratta di attimi che devono essere terribili per chiunque, anche per il più scafato dei poliziotti, come trovarsi di fronte qualcuno che, sorpreso sul fatto, può reagire in qualsiasi maniera, magari anche armato. I miei più sinceri complimenti e ringraziamenti alle volanti 1 e 2 della Polizia di Livorno coordinati prontamente dalla Sala Operativa.

Dott. Riccardo Rossato
Associato assomusica
Pres.CdA Palalivorno Scrl

Riproduzione riservata ©