Abbiamo gli skate in casa, rispettate i residenti

Mediagallery

Eccoci puntuali, dalle ore 15:00 del 9 maggio abbiamo gli Skate sulle rampe in casa, ma se dico in casa vuol dire in casa nel vero senso della parola. Dopo lamentele di disagi dei giorni passati gli occupanti come se niente fosse non demordono anzi organizzano una bella gara di Skate corredata da musica ad alto volume. Naturalmente non siamo padroni neanche di riposare magari nelle ore subito dopo pranzo, voglio dire, tanto il sabato e la domenica non ci si riposa mica dopo i turni in fabbrica di tutta la settimana….è uno schifo! Continuerò a scrivere queste segnalazioni anche perché sono già stato all’Ex Caserma a spiegare il disagio che provocano tali attività, ma niente da un orecchio entra e dall’altro esce, rispetto per i lavoratori? Zero!

Lettera firmata

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # un utente

    Quando ero piccino c’era una vecchia zitella che aveva da brontolare su tutto e tutti, secondo lei noi bambini consumavamo il marciapiede con le ruote delle nostre biciclette. Oggi a fare questi discorsi c’è anche gente giovane che alle 3 del sabato pomeriggio è già sul letto che tronfia , voglio dì…. neanche 2 attenzioni alla propria compagna se proprio uno è talmente timido da non sentirsela neanche di fare una bella girata all’aria aperta.

  2. # Beppone

    hihihihi , tutti bravi a lamentarsi quando qualcosa viene piazzato davanti casa (giostre, feste, sagre, notti bianche, bancarelle, attività sportive, nuove costruzioni come per esempio un ospedale, un centro commerciale, una nuovee ttività) , ci si lamenta, è si scrive sul giornale, dicendo perchè qui, nn si può neanche riposare, tutti si lavora, ecct, se proprio volete andate a farlo da un altra parte, si! ma dove?, siamo seri, se fosse una cosa fissa, potrei capire, anzi no!, perchè in altre città anche più piccola della nsotra dove ci sono queste piste a ridosso delle abitazioni nessuno di chi ci abita si lamenta come noi livornesi.
    Noi non abbiamo gli skate, ma ci sono rumori molesti per mille attività, da sempre e ci siamo adeguati, anche perchè spesso a brontolare non serve a niente.

  3. # Andre

    Si vede benissimo che non ci abitate, tutti comprensivi èh, e vi vorrei vede vi vorrei! Senti vesti vi de!

  4. # Residente

    Gentile utente, invece di stare a fare la “figura” sugli skate in una struttura chiusa e in mezzo ai palazzi…. forse è meglio che vada lei a fare una bella girata all’ aria aperta con signora a seguito… alla nostra vita privata ci pensiamo da noi, li c’ è un casino dell’ ottanta, sarebbe bene anche portare un pó di rispetto alle persone che lavorano, perchè parliamoci chiaro, li intorno non ci vive certo la nobiltà, siamo tutti operai, quindi ripeto, non sono attività da svolgere in un simile contesto.

  5. # karl

    Però..sempre una notizia in secondo piano brava redazione..tanto a loro tutto è concesso..ma di mettere in on line i pagamenti delle bollette.. no.. quello della Tari e della Tasi..no.. figuriamosi..

  6. # io

    Fuori gli occupanti dentro gli immigrati….. paura è

  7. # kristy2

    Il rispetto e la buona educazione sono ormai estinti. E’ un degrado generale. Che tristezza.

  8. # Paolo

    Se vuoi fare come ti pare vieni a Livorno! Ma perché si deve chiude un occhio per questi occupanti abusivi che per di più danno fastidio ai residenti? Perché non affittate un bel capannone al picchianti senza rompe le scatole a nessuno? Ma no, sennò non siamo trasgressivi, sarebbe troppo normale ! La pace in casa delle persone viene prima delle vostre idee “contro il sistema”!!! Quindi sloggiare!!!

  9. # Residente

    magari loro capace un po’ di rispetto lo porterebbero!

  10. # W.

    Possibile che non si possa skateare da nessuna parte?! In città arriva la polizia che ci dice di andare nei luoghi adatti, allo skatepark in Corea ci sono i bambini che usano le rampe come scivolo e magari se ne investi qualcuno arriva un genitore a lamentarsi quando ci sono anche i cartelli con scritto che quelle sono rampe e i bambini con meno di 13 anni ci devono stare con skate casco e in presenza di genitori ed ora anche all’Ex Caserma vi dovete lamentare… Trovatecelo voi un posto allora…

  11. # l'altro paolo

    sloggiare !? da dove? da un luogo abbandonato, di nessuno, in mezzo alla città? Se c’è rumore oltre la norma ci sono i poliziotti, se gira droga pure, poi una canna non ha mai fatto male a nessuno, ma non credo sia questo il problema. Il problema è la frustrazione della gente di oggi.
    Io devo sentire abbaiare un cane tutto il giorno del mio vicino quando i padroni non ci sono. e no è che puoi dormire, qual’è la differenza? Quando si giocava a pallone in cortile? boh!
    LA FRUSTRAZIONE E’ UNA BRUTTA COSA, sempre più diffusa

  12. # lorenzo Frati

    salve, sono quello che ha progettato e realizzato dal 2012 assieme ai ragazzi della Ex Caserma lo skatepark in questione.
    sarei grato se volesse incontrarmi presso la struttura per parlarne e cercare assieme di trovare qualche ulteriore soluzione tecnica che possa limitare il problema che tanto la disturba. Dall’inizio della costruzione abbiamo sempre tenuto conto della possibilità di recare disturbo ai residenti e speso tempo e denaro (non pubblico ma tirato fuori dalle nostre tasche) per tamponare perfettamente ogni apertura su Via della cappellina. Probabilmente possiamo fare ancora qualcosa per migliorare la situazione.
    la prego di rispondermi e vedrò di fare il possibile per incontraLa ,
    cordiali saluti

  13. # lorenzo Frati

    Volevo inoltre farle presente che la festa a cui ha accennato nella lettera è stata organizzata dalla nostra associazione proprio allo scopo di raccogliere fondi per la costruzione di un muovo skatepark pubblico a Livorno, in un’area già identificata dal Comune in zona diversa da quella in cui Lei risiede. Stiamo lavorando per trovare una soluzione alla mancanza di luoghi adatti alla pratica di uno sport che i giovani e giovanissimi amano tanto.
    ho 46 anni e pratico lo skate da quasi 30 anni; sono padre di una bambina di 10 anni e come altri ragazzi attempati che frequentano lo skatepark ho investito il mio tempo e le mie risorse economiche in una struttura che possa permettere ai nostri (e ai vostri) figli di star lontano dalla strada e dai pericoli che troverebbero girando per la città senza controllo..

  14. # lorenzo Frati

    riguardo ai commenti che sono stato postati da altri utenti riguardanti gli immigrati/extracomunitari; faccio presente a questi signori che la Ex Caserma ospita ed ha ospitato sin dall’inizio della sua occupazione vari nuclei familiari di extracomunitari e rifugiati bisognosi che altrimenti sarebbero in mezzo alla strada con i loro bambini o in qualcuno dei CIE sparsi per l’Italia; se veniste a vedere quello che nel tempo i volontari della ex Caserma hanno fatto e stanno tutt’ora facendo per aiutarli vi vergognereste di quello che avete scritto; il razzismo ottuso e strisciante danneggia anche voi. combattetelo!

I commenti sono chiusi.