Talenti artigiani crescono: premiati Zucchi e Quochi

Mediagallery

Giappone, Stati Uniti, Francia… il talento dell’artigiana livornese Caterina Zucchi si sta facendo apprezzare sempre di più anche all’estero dove, con successo, rappresenta il Made in Italy con i suoi gioielli creati in vetro di Murano con la tecnica della lavorazione a lume nel suo laboratorio-atelier in via Borra 33. Giovedì 16 luglio alle ore 11 in Camera di Commercio la “Studiozero Vetro di Caterina Zucchi” riceverà dalle mani del Presidente Sergio Costalli davanti al Consiglio Camerale l’attestato di Maestro Artigiano nella lavorazione artigianale del vetro. Nonostante la sua giovane età Caterina vanta già numerose affermazioni a livello nazionale ed internazionale. Formatasi dapprima presso la scuola specializzata di Bolzano la “Vetroricerca Glass and Modern” dove adesso è anche docente, ha raffinato ed approfondito la tecnica della lavorazione del vetro presso i maestri vetrai di Murano. La sua vena artistica ed il suo carattere indipendente la portano alla decisione di aprire nel 2004 un’azienda propria la “Studiozero Vetro”, così da dedicarsi a proprie collezioni di gioielli, bijoux ed accessori in vetro di Murano ricercando sempre forme nuove e nuovi materiali con cui impreziosire ed esaltare la lavorazione a lume del vetro. La partecipazione a numerosi eventi fieristici e mostre in Italia ed all’estero l’ha portata ad essere notata dai buyers stranieri e ad esportare le proprie collezioni, oltre a collaborare con alcuni negozi nelle città d’arte della Toscana. L’ultima collezione di successo è ispirata all’opera dell’artista livornese Amedeo Modigliani.

Il più recente riconoscimento conseguito è quello nei giorni scorsi di “Artigiano OmA”, attribuito a Firenze dall’Associazione Osservatorio dei Mestieri d’Arte, con il patrocinio della Regione Toscana, vista la qualità e l’alto pregio delle sue produzioni, premio che ha condiviso con un altro giovane artigiano livornese anch’egli da sempre associato alla Cna, il fabbro ferraio Filippo Quochi, protagonista di esposizioni in Italia ed all’estero con le sue creazioni artistiche capaci di plasmare il metallo attraverso l’uso tradizionale della forgia e l’abile sperimentazione di nuove tecniche di lavorazione.

Riproduzione riservata ©