Svs, colazione gratis per i più bisognosi. Direttivo: ecco i nomi degli eletti

di Linda Lensi (foto in pagina di Simone Lanari e Linda Lensi)

Grazie alla Svs Pubblica Assistenza di Livorno apre il bar sociale “Nino Effe” in via San Giovanni (clicca sul link in fondo all’articolo per guardare le foto all’interno della gallery e leggi qui i nomi dei nuovi membri del direttivo). Si tratta di colazioni gratis per i bisognosi, per chi non può sbarcare il lunario e non riesce a permettersi un caffè e una brioche poiché costituirebbero una spesa troppo impegnativa. Il bar è sempre aperto dalle 7 del mattino fino alle 20 come centro di aggregazione e si può usufruire della colazione fino alle 10.30. Si possono trovare macchinette piene di brioches e schiacciatine insieme al distributore di bevande calde e una dispensa ben fornita.
Dal 17 gennaio infatti verrà dato il benvenuto a chiunque ne avrà bisogno,  si tratta di un servizio, intitolato appunto a Nino Effe una persona in difficoltà “amico” della Società volontaria del soccorso che ora non c’è più e rappresenta un unicum in Toscana.
bar socialeIl presidente della Svs Vincenzo Pastore ha fiducia nella crescita di questa rete di sostegno; il direttore Fabio Cecconi ha precisato che è un servizio che si finanzia totalmente all’interno di Svs e grazie ai contributi di cittadini, benefattori, cooperanti e in questo caso della Fondazione Livorno. Anche il presidente Luciano Barsotti ha preso parola dicendo sottolineando che “questo è un luogo di accoglienza, darà un po’ di sole nella vita di chi ha più bisogno”. Infatti, oltre ad essere un centro di accoglienza, un posto di ristoro e di bisogno, è anche un tetto di copertura e riparo per chi non lo ha.
Il consigliere Marco Cannito ha dato il suo appoggio e sostegno a questa iniziativa; tutto ciò dimostra un aiuto umano a coloro che sono più sfortunati.
Un momento molto emozionante è stato il taglio del nastro, compiuto da Franco Vannucci, il gestore storico del bar all’interno della Svs. Commosso per l’incarico di tagliare il nastro, Vannucci si definisce “orgoglioso e fiero della grande iniziativa”.

Riproduzione riservata ©