“Due giorni d’estate” a Berlino

“Due giorni d’estate” è stato invitato a Berlino alla celebre rassegna mensile “Cherry Picks” organizzata dalla Berlin Film Society. Scritto da Dal Canto insieme ad Anita Galvano è un breve romanzo di formazione che vede protagonista un adolescente svogliato

Mediagallery

Il cortometraggio “Due giorni d’estate”, del film-maker Luca Dal Canto, è stato invitato a Berlino alla celebre rassegna mensile “Cherry Picks” organizzata dalla Berlin Film Society. La proiezione si terrà mercoledì 25 maggio alle ore 20 alla sala cinematografica Il Kino, tempio berlinese del cinema indipendente. “Due giorni d’estate” è l’unico corto italiano dell’appuntamento di maggio e sarà presentato insieme ad altri 5 film brevi provenienti dagli Stati Uniti, dalla Svezia, dal Giappone, dalla Bosnia e dalla Grecia. Cherry Picks raccoglie infatti i migliori cortometraggi presentati nei più importanti festival internazionali.
Il film di Luca Dal Canto, prodotto nel 2014 da Bredenkeik e Vertigo con la collaborazione di Tenuta Bellavista Insuese e La Ciliegiola di Riparbella, è stato presentato allo Short Film Corner del 67° Festival di Cannes e venduto in tre continenti (America, Europa e Africa) con il titolo “Two days in summer”. Tra il 2014 e il 2015 ha ottenuto 20 selezioni ufficiali in festival nazionali e internazionali, 3 premi (di cui due al Formia Film Festival 2015) ed è stato proiettato in tutta la penisola oltre che in Francia e Turchia. Il cast artistico è formato da Lorenzo Aloi, Giulia Rupi, Marco Conte, Simone Fulciniti e Roberta Stagno.
“Due giorni d’estate”, scritto da Dal Canto insieme ad Anita Galvano, è un breve romanzo di formazione che vede protagonista un adolescente svogliato, i cui due ultimi giorni d’estate sono sconvolti dall’arrivo di una trentenne molto somigliante a una celebre modella di Amedeo Modigliani. Anche a Berlino si parlerà dunque di adolescenza, di estate, ma soprattutto di un grandissimo artista labronico e della città di Livorno, a cui l’autore è molto legato nonostante il lavoro lo porti spesso fuori dai suoi confini. Il regista Dal Canto è infatti livornese doc e oltre ad aver firmato cortometraggi pluripremiati (tra cui nel 2012 “Il cappotto di lana”, ispirato a una poesia di Giorgio Caproni e selezionato in 49 festival di cinema con 16 premi ricevuti), spot e videoclip musicali, collabora nel cinema e nella pubblicità con importanti registi italiani; il più recente è Fausto Brizzi nel film “Forever Young” con Fabrizio Bentivoglio, Sabrina Ferilli e Lillo, uscito nelle sale quest’anno. Dal Canto è anche autore del progetto fotografico “I luoghi di Modigliani tra Livorno e Parigi”, esposto a Livorno, Pisa, Torino, Roma e Parigi. Da poco ha inoltre aperto una scuola di cinema e teatro in centro città: la Piccola Bottega degli Artisti, che gestisce con Simone Fulciniti e Cristina Fornaciari. Per vedere il cortometraggio, in Italia l’unico modo è scaricare la app “Play Festival Films” per iphone e ipad e cercare “Two days in summer”.

Riproduzione riservata ©