Campagna diabete, test gratuito nelle farmacie

“Forse non sai che…”: per tutto il mese di novembre si terranno in città iniziative specifiche

Mediagallery

Il Comune di Livorno e l’ASL 6  lanciano  la VI^ edizione della campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del diabete “Forse non sai che…”, tesa a mettere in guardia la popolazione nei confronti di una emergente patologia  che colpisce gli anziani ma anche giovani e bambini.
Per tutto il mese di novembre, come è ormai tradizione,  si terranno in città iniziative specifiche per sensibilizzare la cittadinanza sulla “Pandemia Diabete” e prevenirne l’insorgenza promuovendo corretti stili di vita.  Si comincia dai più giovani con gli incontri nelle scuole.
Il 3 novembre, dalle ore 11 alle 13, le dottoresse Sonia Lucchesi (pediatra specialista in diabete giovanile) ed Elena Bacci saranno alla scuola primaria Circolo Benci (via Carlo Bini) per un incontro con i ragazzi. Agli studenti sarà consegnato un questionario conoscitivo sulle loro abitudini alimentari quindi sarà spiegata l’importanza di un corretto stile di vita per prevenire l’obesità, il diabete e le malattie metaboliche. Fino al 26 novembre saranno le farmacie cittadine (FederFarma Livorno e Farma.Li.) a scendere in campo per sensibilizzare la cittadinanza contro il rischio diabete. Nei giorni di martedì, mercoledì e giovedì i cittadini potranno valutare il rischio diabete mediante la misurazione della glicemia e la compilazione di un semplice questionario predisposto dal UOC Diabetologia del presidio Ospedaliero della ASL n.6; avranno inoltre gratuitamente la possibilità di controllare la pressione arteriosa e ricevere informazioni utili per la prevenzione.

Mercoledì 4 novembre, alle ore 16.30, al Museo di Storia Naturale (via Roma, 234) è in programma un incontro dibattito sul tema “Il diabete una malattia sociale: come prevenirla e come curarla per evitare lo sviluppo di complicanze invalidanti”. A parlarne sarà la dott.ssa Cristina Lencioni.
L’incontro è rivolto ai soci dell’Università della Terza Età.

Riproduzione riservata ©