Goldoni. E’ il giorno di Mascagni con “Cavalleria Rusticana” e “Parisina”

Mediagallery

LIVORNO – Saranno le note di Cavalleria rusticana ad avvolgere in un grande ideale abbraccio il Maestro Pietro Mascagni e la città di Livorno in occasione del suo 150° “compleanno”:oggi, sabato 7 dicembre, alle ore 21 il Teatro Goldoni si presenterà completamente esaurito in ogni ordine di posti per una serata lirica speciale che culminerà nella rappresentazione della sua celeberrima opera prima. 150 anni: un anniversario importante per un musicista che fin da giovanissimo proprio con Cavalleria fu capace di dare una svolta decisiva alle vicende del melodramma europeo abbattendone le quinte ed i fondali un po’ imbalsamati, per aprire le porte al XX secolo con un nuovo stile operistico. Un artista fondamentale per la storia della musica e della cultura italiana ed internazionale, che la Fondazione Teatro Goldoni-Teatro di Tradizione, con il Comune di Livorno insieme a tutta la città, sta celebrando attraverso l’istituzione di un Festival con una molteplicità di spettacoli ed appuntamenti per tutto il mese di dicembre e che trova il suo culmine proprio nel giorno in cui si ricorda la sua nascita.
Dal palcoscenico del Teatro Goldoni, che lo vidi dirigere per l’ultima volta nella sua città natale il 10 dicembre 1940 per il 50° anniversario di Cavalleria, Livorno tributerà il proprio caloroso omaggio al suo più illustre compositore con rappresentazione che nasce dal percorso artistico e produttivo del Cantiere Lirico della Fondazione Goldoni, l’iniziativa di respiro internazionale del Teatro di Tradizione livornese legata all’alto perfezionamento vocale e interpretativo di giovani talenti sul suo repertorio giunto alla sua quarta edizione. Il capolavoro del musicista livornese sarà abbinato nella prima parte a pagine scelte dell’opera “Parisina”, scritta su libretto di Gabriele D’Annunzio, in occasione del centenario della sua prima rappresentazione e dell’analoga ricorrenza celebrativa della nascita del grande poeta e drammaturgo pescarese. Nel corso della serata saranno consegnate due borse di studio per la migliore voce femminile e maschile per l’interpretazione di Parisina, intitolate ad Attilio Graziani, noto appassionato d’opera fiorentino, e offerte dalla nipote Stefania Zocchi.
Nel foyer del Goldoni, è stato realizzata una raccolta e significativa esposizione fotografica di Giovanna Talà, l’appassionata operatrice culturale livornese recentemente scomparsa: un omaggio attraverso una bella testimonianza del suo originale percorso professionale fotografico a favore della conoscenza e divulgazione dell’opera di Mascagni. Gli artisti protagonisti sono stati selezionati nella masterclass tenuta dal grande mezzosoprano Bruna Baglioni, una delle interpreti storiche del personaggio di Santuzza in Cavalleria, da lei affrontata in sedi prestigiose (Scala di Milano, Metropolitan di New York, Bayerische Staatsoper di Monaco, ecc.) e nel laboratorio musicale e scenico guidato da Mario Menicagli, direttore livornese di solida fede mascagnana, e dall’attore e regista Emanuele Barresi, altro livornese emergente nel panorama teatrale e cinematografico italiano.
La serata si aprirà con le arie di Parisina nell’interpretazione del soprano Anna Consolaro, del mezzosoprano Luciana Pansa, del tenore Nicola Simone Mugnaini e del baritono georgiano Mamuka Lomidze; per Cavalleria: Santuzza sarà interpretata dal soprano russo Marina Shevchenko, Turiddu dal tenore brasiliano Max Jota, Alfio dal baritono Omar Kamata, Mamma Lucia dal mezzosoprano Paola Roncolato, Lola dal mezzosoprano Francesca Ciccone. Il Direttore Mario Menicagli sarà sul podio dell’ Orchestra Cantiere Lirico Fondazione Goldoni e del Coro Around Mascagni, Maestro del Coro Maurizio Preziosi; regia di Emanuele Barresi; costumi realizzati da Adelia Apostolico.

Tutte le informazioni su www.goldoniteatro.it

 

Riproduzione riservata ©