Tares, da oggi al via la richiesta per le esenzioni. Ecco come fare

Mediagallery

Da  oggi, lunedì 2 settembre a martedì 17 settembre, i cittadini potranno far richiesta per esenzioni e riduzioni della Tares 2013. Le nuove domande di agevolazione Tares 2013 per le utenze domestiche devono essere presentate esclusivamente all’Ufficio Programmazione e Servizi per il Fabbisogno Abitativo – Palazzo Nuovo del Comune, Via Pollastrini n° 1 piano 2° – Piazza del Municipio n° 50 – Ingresso Anagrafe, secondo piano. Le domande saranno accolte nei giorni di apertura al pubblico, e cioè il lunedì e il venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 e il martedì e il giovedì dalle ore 15,30 alle ore 17,30.
I moduli di domanda saranno disponibili a partire da lunedì 2 settembre all’Ufficio Programmazione e Servizi per il Fabbisogno Abitativo; gli interessati dovranno allegare la certificazione ISE-ISEE in corso di validità e possibilmente copia del versamento Tares 2013.

I limiti di indicatore ISEE per ottenere le agevolazioni sono:

• per esenzione totale dalla Tares 2013 ( nucleo familiare con indicatore Isee, in corso di validità al momento della domanda, inferiore o pari a € 5.500).

• per riduzione del 50% della Tares 2013 ( nucleo familiare con indicatore Isee, in corso di validità al momento della domanda, compreso tra € 5.500,01 e € 6.500).

• per riduzione del 50% della Tares 2013 ( nucleo familiare di soli ultrasessantacinquenni e/o invalidi con invalidità superiore ai 2/3 con indicatore Isee, in corso di validità al momento della domanda, da € 6.500,01 e fino a € 7.500).

• Le agevolazioni saranno concesse fino ad esaurimento delle risorse disponibili, garantendo la priorità di intervento ai nuclei familiari con ISEE più bassa.

ATTENZIONE

Si ricorda che le persone che hanno già usufruito della agevolazione TIA nel 2012 (o quelle in possesso dei requisiti richiesti, che non hanno ottenuto l’agevolazione TIA 2012 per mancanza delle risorse disponibili) non sono tenuti a presentare la nuova domanda; dovranno tuttavia possedere una certificazione ISE/ISEE con scadenza successiva al 31 dicembre 2012, o rinnovata entro e non oltre il 15 marzo 2013; queste certificazioni verranno controllate d’ufficio. Se nel frattempo la situazione fosse mutata, e per fare valere condizioni più favorevoli, attestate con un ISE/ISEE rinnovata in data successiva al 15 marzo 2013, questi cittadini sono tenuti a presentare la nuova domanda TARES 2013.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # polpo

    Vorrei vedere chi usufruisce della riduzione chi a un reddito di cinquemila euro é proprio una presa in giro

  2. # Stella

    ISEE 7521 – nucleo con un’86enne con pensione reversibile, un ragazzino di 9 anni, e una 49enne disoccupata senza alcun reddito (e senza speranze). Noi dobbiamo pagare, al solito…! Magari si vedesse qualche bel cambiamento nell’igiene di Livorno, fatto coi soldi della Tares: levare tutti i cespugli che prosperano sui marciapiedi, lavare i suddetti marciapiedi che puzzano peggio delle fogne incrostati di deiezioni solide e liquide decennali, ripulire i monumenti (vedi piazza XX settembre), togliere le bici incatenate ad arrugginire da anni a pali, rastrelliere, etc. etc., mettere dei lampioni moderni che evitino l’inquinamento luminoso e facciano risparmiare energia…. Ma voi ce li vedete i nostri amministratori a fare tutte queste cose? Io, francamente, no. Però bisogna pagà, quello sì!!

I commenti sono chiusi.