“Torneo Inail-Città di Livorno” di tennis in carrozzina: si parte il 29 agosto

Mediagallery

Saranno presenti anche quest’anno atleti provenienti da tutta Italia alla 21° edizione del Torneo “Inail-Città di Livorno” di tennis in carrozzina, che si svolgerà a Livorno da giovedì 29 agosto a domenica 1 settembre nella cornice del circolo di tennis Junior Club di via dei Pensieri.

Gli atleti arriveranno in città mercoledì 28 agosto, poi, dall’indomani, il via agli incontri che si disputeranno sia al mattino che nel pomeriggio. Finali e premiazioni domenica mattina. Per venerdì sera, invece, sempre alla Junior Club, serata speciale con il cantante Matteo Becucci e con Cerracchio DJ.

Il programma delle iniziative è stato presentato oggi, venerdì 23 agosto, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Comunale. Erano presenti Maurizio Bettini, assessore allo sport del Comune di Livorno, Barbara Bonvini, direttore della sede Inail di Livorno, Claudio Rigolo e Martino Seravalli, dell’associazione Sport Insieme Livorno.

L’assessore Bettini, nell’augurare una buona riuscita della manifestazione, ha invitato la cittadinanza, e gli sportivi in particolare, a recarsi in via dei Pensieri per assistere al torneo, sottolineando la bellezza e la spettacolarità delle partite anche dal punto di vista tecnico ed agonistico.

Barbara Bonvini, da poco tempo nominata direttrice della sede Inail di Livorno, ha elogiato l’importanza di questo torneo che si svolge da 21 anni, grazie a un’idea anticipatrice.

Claudio Rigolo e Martino Seravalli hanno sottolineato il periodo di vivace attività che sta vivendo la scuola di tennis per disabili, e hanno illustrato tutte le altre attività dell’associazione Sport Insieme Livorno: fra queste la boxe in carrozzina lanciata dal maestro Luca Tassi, il surf da onda su tavole appositamente progettate e realizzate (per il quale il 14 settembre è in programma una grande manifestazione dimostrativa), e poi il fiore all’occhiello dell’associazione, la barca “Primo Pensiero” per la quale stanno fioccando le richieste da parte di disabili che vogliono realizzare il sogno di andare (o ritornare) per mare.

 

Riproduzione riservata ©