Sport Combat Club: gran successo per il primo collegiale

Il centro tecnico federale Wtka che ha accolto la manifestazione si è dimostrato veramente efficiente

Mediagallery

Sabato e domenica scorsi si è svolto il primo collegiale nel fantastico nuovo centro tecnico federale Wtka, divenuto una bellissima realtà per la nazionale entrata in carica con le finali di Rimini di quest’anno .Un sogno che si realizza per i nostri portacolori e per la Federazione che fortemente ha voluto il suo Centro Tecnico. In questo caso erano presenti 70 atleti della nazionale, seguiti dai coach ed una trentina di familiari. Tutta Italia rappresentata, dalla Sicilia al Veneto, dalla Puglia alla Toscana, dalla Campania alla Lombardia etc.

Alle 15 è iniziata la cerimonia di investitura della squadra Nazionale con la chiamata dei singoli atleti e la consegna della borsa, della divisa e della tuta ufficiali sponsorizzati dalla ditta Leone. Una volta terminate le fasi di investitura, si procedeva con le foto di rito ed il collegiale vero e proprio. Gli atleti sono stati divisi in 3 settori: contatto pieno sotto la docenza del maestro e presidente Fisa Alfredo Lallo. Contatto leggero sotto la direzione del maestro Roberto Geri ed il semi contact diretto dal maestro William Zanatta per i seniors ed Adelaide Callegari per gli junior. Ciascuna disciplina è stata suddivisa in una sala apposita, ciascuna con le sue attrezzature specifiche, ring, gabbia di Mma.

Alle 19.30 di sabato sono finiti i “lavori” e tutti si sono ritirati per la cena. Che si è sbolta alla presenza di tutti i nazionali che hanno indossato fieri la loro divisa ufficiale. La domenica mattina i ragazzi riprendono l’allenamento. I maestri si prestano nel coadiuvare i tecnici di settore, con grande professionalità e senso di appartenenza a questo grande, grandissimo gruppo che è Wtka. Un grazie va speso prima di tutti per i ragazzi e le nostre ragazze della società per il senso di appartenenza mostrato e per l’impegno profuso in questi due giorni. Passando poi ai seniores che si sono presi a cuore i più giovani e li hanno fatti sentire parte integrante del gruppo, dispensando utili consigli e accogliendoli come fratelli più piccoli. Ultimi, ma non per importanza, Daniele Angileri, Igor Nencioni e Gianni Santoro per essersi prestati alla logistica e all’ospitalità, i direttori tecnici per il fantastico lavoro svolto, ed tutti i maestri al seguito dei loro ragazzi e alle loro famiglie.
Il 13 ottobre sarà la volta degli atleti della Nazionale di karate e discipline affini. Un settore di grandissima importanza in quanto la palestra stessa è sede nazionale del settore.

 

Riproduzione riservata ©