Lions, vietato fallire contro Firenze. Per Salviano c’è Valdinievole

Mediagallery

RUGBY C1
Arriva la ‘madre di tutte le partite’. A Firenze, al campo ‘Cavallaccio’ di via del Perugino, zona San Bartolo a Cintoia (e non al ‘Lodigiani’, ex ‘Padovani’, attualmente alle prese con lavori di ripristino, post mondiali di ciclismo), domenica, alle 14,30, nell’ambito della seconda di ritorno della C1 toscana, i locali del Firenze’31 cadetto ed i Lions Amaranto Livorno si sfideranno in un match che mette in palio una fetta consistente per l’accesso ai playoff. Al termine della regular season, passeranno alla fase promozione le prime tre. Florentia e Cus Siena occupano le prime due piazze e appaiono irraggiungibili. La quinta classificata, l’Amatori Prato, ha ormai perso terreno ed appare fuori dai giochi. In altre parole, la terza posizione è affar privato fra Firenze’31 cadetto e Lions. I labronici sono attualmente terzi e vantano due lunghezze di margine sui gigliati, che però figurano con una partita in meno. I conti sono facili.

Se gli amaranto bissano il successo dell’andata, scavano sui biancorossi fiorentini (l’anno scorso protagonisti nella C èlite) un solco molto profondo e possono programmare le restanti sei gare della fase regolare con relativa serenità. In caso di sconfitta, invece, si registrerebbe il sorpasso in classifica e i gigliati avvicinerebbero (in modo forse definitivo) l’obiettivo play-off. I Lions provengono da cinque vittorie e, per il delicatissimo appuntamento del ‘Lodigiani’, sono carichi al punto giusto. A parte i lungodegenti Giusti e Santoni, l’infermeria è vuota. Non si segnalano defezioni. Le partite giocate nelle ultime due domeniche in casa con l’Elba (nel recupero della quinta giornata) e con gli Amatori Prato (primo turno del girone di ritorno) sono servite per riprendere confidenza con il clima agonistico. Un clima agonistico che viceversa manca da tanto tempo (8 settimane) al Firenze’31 cadetto. I gigliati non giocano dall’ormai lontano 15 dicembre: dopo il ‘letargo invernale’ imposto dal calendario hanno osservato, domenica scorsa, un turno di riposo (in C1 sono impegnate 9 squadre e in ogni giornata una formazione ‘resta al palo’).

Per i Lions, non manca la speranza di trovare un avversario ‘arrugginito’. Gli amaranto, per allungare la striscia di successi consecutivi, dovranno, in ogni caso, disputare un match ricco di contenuti. I labronici, finora, si sono esaltati in casa (al ‘Maneo’ solo vittorie), ma, in trasferta, contro le squadre della fascia alta della classifica (Florentia, Cus Siena e Amatori Prato) sono giunte solo sconfitte. Nella ‘madre di tutte le partite’ si dovrà invertire la tendenza. I play-off, raggiunti l’anno scorso in scioltezza, passano dalla prova di questa seconda domenica di febbraio. E’ il match verità, una sfida che potrebbe aprire la porta verso traguardi prestigiosi.

SERIE C2
Il calcio d’inizio della partita valida per la seconda giornata di ritorno del campionato di C2, girone toscano ovest, fra Lions Salviano Livorno e Valdinievole è stato anticipato di 45′: la gara, in programma domenica sul campo labronico ‘Maneo’ di via Settembrini (ingresso gratuito per gli sportivi), si disputerà alle 13,45 e non alle 14,30. Si gioca prima, per consentire anche agli atleti delle due formazioni, finita la doccia, di dirigersi verso la club house di Salviano, e, durante il classico ‘terzo tempo’, di gustarsi, in tv, la diretta di Francia-Italia (il via alle 16), seconda gara degli azzurri nel ‘Sei Nazioni 2014′. Per Lions Salviano e Valdinievole il confronto di questa domenica conclude una pausa agonistica lunga otto settimane. Per entrambe le squadre il precedente impegno risale addirittura il 15 dicembre 2013.

Il riposo doveva finire domenica scorsa, ma per Lions Salviano e Valdinievole le gare in programma, rispettivamente in trasferta con l’Union Tirreno cadetto ed in casa con il Pistoia, sono state rinviate per problemi ai campi di San Vincenzo e di Pieve a Nievole. I labronici, terzi con una sola lunghezza di ritardo dal Cus Pisa (che figura con una partita in più) cercheranno di raccogliere il massimo della posta. Il compito non appare proibitivo. Il Valdinievole, nelle nove partite del girone d’andata, non ha raccolto alcun punto e figura all’ultimo posto, a quota meno otto (la penalizzazione è figlia del mancato allestimento, l’anno scorso, di un vivaio completo). Gli allenatori-giocatori dei livornesi Bertolini e Cannavò hanno tutta la rosa a disposizione (ci sarà anche il mediano Simone Calvetti, tesserato da pochi giorni) e daranno ampio minutaggio anche agli elementi inizialmente in panchina.

E’ un test da affrontare con intelligenza, nel quale sono vietate sciocchezze (leggi cartellini) e nel quale si deve cercare di mettere al più presto al sicuro successo e bonus, per poi provare giocate e meccanismi in vista di sfide più dure. I Lions Salviano, nelle giornate successive, se la vedranno nell’ordine, con Pistoia, Union Tirreno cadetto (nel recupero), Rufus, Etruschi Livorno, Cus Pisa, Bellaria Pontedera e Massa. Le possibilità di difendere (o addirittura migliorare) l’ottimo terzo posto attualmente occupato non mancano, ma servirà accortezza, determinazione e smalto. Le risposte degli atleti, durante la lunga sosta invernale è stata positiva. L’impegno, durante gli allenamenti, non è mai mancato. E’ arrivato il momento di raccogliere i frutti…

Riproduzione riservata ©