Venezia, palio e Trittico! Remo d’oro al Salviano

di Gianni Picchi

Il Borgo fa il bis nel Femminile e Minipalio, Salviano trionfa nelle gozzette a 4 remi Senior e Venezia nei gozzi a 10 remi (Borgo Cappuccini secondo, terzo Ovosodo). (clicca nel link in fondo all’articolo per guardare le immagini scattate da Andrea Trifiletti). L’armo biancorosso porta a casa il trittico avendo vinto anche Barontini e Risi’atori. Questo il risultato che si leggerà nella pagina del libro del Palio Marinaro per la 77a edizione.
Il programma, rivisto e corretto, è iniziato con la partenza con il femminile – Nel Borgo stesse vogatrici, stesso allenatore ma timoniere diverso. Alessia Lucarelli è in America del Sud in viaggio di nozze, al suo posto Andrea Brigiotti. Allo sparo dello starter le bianconere del presidente Cantini vanno in testa, ed in testa, dopo 1000 metri, tagliano il traguardo. Al termine della gara le ragazze in coro: “Abbiamo vinto anche per Alessia. E’ stata una stagione da favola”.

Intermezzo dedicato al Palio Nazionale Special Olimpics, con la premiazione di tutti gli equipaggi, che hanno partecipato nella gara mattutina, sugli Scali Novi lena.

Successivamente il Minipalio ed il team bianconero non fa in tempo a terminare la festa per il femminile che concedono il bis. Complimenti al Salviano che negli ultimi 200/300 metri riesce con uno sprint eccezionale a portarsi al secondo posto.
I 4 borghigiani, per raggiungerci sulla Terrazza, per interviste e foto hanno dovuto effettuare un centinaio di metri a nuoto. Appena giunti in Terrazza l’ironia livornese diventa protagonista: “Abbiamo faticato di più per venire qui a nuoto che per fare la gara”. “L’anno scorso abbiamo perso il Palio, quest’anno ci siamo presi la rivincita”.

Appena il tempo di bere una bibita fresca (il sole era un “caloroso” spettatore) e partono le gozzette a 4 senior. Alla partenza il Salviano mette in chiaro ciò che vuole ottenere. La vittoria. Parte in testa. Al giro di boa ancora davanti a tutti. Venezia, San Jacopo e Borgo hanno tentato di far cambiare idea all’armo biancoamaranto ma è stato tutto inutile. Il Salviano si aggiudica il Remo d’Oro.

Ed infine, con il pubblico, che nel frattempo, era aumentato di numero, partono i 10 remi. L’Ovo Sodo parte veloce e guadagna alcuni metri sul Venezia ma dopo 200 metri i magnifici 10+1 del “cavallino rosso” hanno già messo la prua davanti a tutti e dopo la prima boa è stato come volare alla conquista del Drappo del 77° Palio. Il remo nero va al Labrone. Al termine della gara l’equipaggio, per tornare in cantina, ha fatto il giro dei fossi, con tanto di tuffo, cantando, esultando e attirando così l’attenzione dei passanti che non hanno lesinato applausi.

Campo di gara al fotofinish – Sin da sabato vi era apprensione per la gara. Il vento soffiava da rendere lo specchio d’acqua non agibile. Domenica mattina, alle 6, il gruppo dei volontari erano già sul campo di gara. Alle 9 decisione di rinviare al pomeriggio. In tarda mattinata hanno iniziato a “disegnare” il campo di gara. Alle 16.30 era tutto perfetto e pronto per vogare.
Questi i nomi dei volontari (i magnifici 8): Gino Falanga, Virgilio Tocchini, Giancarlo Mariotti, Luciano Genchi, Riccardo Martini, Franco Avanzoni, Mario De Martino, Giovanni Felicini.

Tempi, classifiche e equipaggi vincenti
Femminile
1° Borgo C. 5’57”30
2° Livorno Sud
3° Labrone 6’10”10
4° Salviano 6’33”40

Team Vincente: Borgo Cappuccini
Timoniere: Andrea Brigiotti
Vogatrici: Anna Franceschi, Valentina Lenzi, Mara Locci, Giulia Volpi
Allenatore: Sergio Biagini

Minipalio
1° Borgo C. 5’31”64
2° Salviano 5’45”06
3° Pontino S.M. 5’47”45
4° Venezia 5’50”31
5° Livorno Sud 6’12”32
Team Vincente: Borgo Cappuccini
Timoniere: Andrea Brigiotti
Vogatori: Gabriel Saccaro, Manuel Nannetti, Luca Locci, Valerio Zenga
Allenatore: Sergio Biagini

Gozzette 4 remi Senior
1° Salviano 11’19”05 ( Remo d’Oro)
2° Venezia 11’51”50
3° San Jacopo 11’52”23
4° Borgo C. 12’01”14
5° Pontino S.M. 12’07”94
6° Livorno Sud 12’13”40
7°Ovo Sodo 12’16”44
8° Labrone 12’45”67
Team Vincente: Salviano
Timoniere: Claudio Gigliucci
Vogatori: Luca Conforti, Alessandro Canessa, Luca Cosci, Paolo Cosci
Allenatore: Paolo Chelli

Gozzi a 10 remi
1° Venezia 9’45”57 ( Drappo)
2° Borgo C. 9’58”56
3° Ovo Sodo 9’59”30
4° Pontino S.M. 10’08”06
5° Livorno Sud 10’25”97
6° San Jacopo 10’30”00
7° Salviano 10’55”49
8° Labrone 11’03”70 ( Remo Nero)
Team Vincente: Venezia
Timoniere: Michele Moneta
Vogatori: Filippo Mannucci, Alessio Baldacci, Michele Ferretti, Leonardo Giuliani, Giacomo Di Paco, Nico Bedini, Cristiano Novelli, Federico Ferroni, Matteo Pedani (Nicola Bacigalupo, Nico Tallini)
Allenatore: Fabrizio Pedani

 

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # il livornese doc

    Manifestazione da capogiro occhio a non spendere troppo mi raccomando

  2. # IOR

    Cambiano le amministrazioni, ma rimane il pressapochismo?

  3. # PIELLINOsfegatato

    bella gara m5s…..
    va bene cosi solita zuppa

  4. # luca

    da sottolineare che questa gara come tutte le altre svolte sono state organizzate con la vecchia amministrazione, in quanto il nuovo sindaco ad oggi sta portando avanti i progetti della vecchia amministrazione perchè nn ci sono i tempi tecnici per cambiare, il lavoro del nuovo sindaco si dovrebbe cominciare a vedere verso settembre

  5. # frenio

    Nella vecchia amministrazione era previsto anche il palio Dell’antenna. Ora abbiamo l’assessore al folklore.
    Hajajajajjjjh

  6. # amaranto67

    caro ior questo pressappochismo è ancora un lascito della vecchia amministrazione, il comitato (o paliobureau) è stato designato dal sig. Cosimi… composto da personalità ad hoc (tutte del partito ovviamente) che hanno definitivamente distrutto, come nella migliore tradizione del PCI cittadino, un’istituzione vecchia di 75 anni (se vogliamo considerare la versione rivisitata, ma il palio è ben piu vecchio e si rifà alle antiche tradizioni livornesi).
    Spero che ben presto il nuovo corso si occupi di questa parte della nostra storia riportando i rioni ai 16 originali, perseguendo il giro di soldi e interessi che ha portato a questa situazione e riconduca tutto a quello spirito di genuina partecipazione che dal basso faceva si che i giovani si avvicinassero alla propria cantina con l’ambizione di rappresentarla e vincere.

  7. # alinooooooooooo

    Qanto denaro pubblico sprecato

  8. # maurizio

    Alinoooo….ma che soldi pubblici sprecati. …le sedie le scrivanie e il resto si son portate dalle cantine….guarda il Brasile è meglio

  9. # anto

    I soldi pubblici veramente sprecati sono altri

  10. # mirkor

    oggi ci saranno più stranieri che livornesi a vederlo..la colpa non e’ sempre delle istituzioni..e basta con strumentalizzare anche lo sport….oggi sara’ una battaglia ….chi non la guarda si perderà un grande spettacolo…ecco perché poi scompare tutto in questa città!

  11. # alinooooooooooo

    Allora lo saiiiii

  12. # Rubicone

    …sempre ‘sto “giro di soldi”… c’è una miseria fa spavento…
    Comunque visto che sei abbastanza fissato su questo punto, dato che è per lo meno la 3 o 4 volta che lo scrivi, vuoi renderci edotti su quale sarebbe questo giro di soldi? e magari ci dici anche quali sarebbero le prove?

  13. # Ale

    Le miglior boe riservate ai migliori ?!!!!!! Ma cosa ci combina. E’ come se la Juventus giocasse tutte le partite 11 contro 10. Mi sa tanto che qui c’è’ qualcosa che non quadra. I soliti rioni che fanno la voce grossa. Ed è per questo che resterò al mare e non verrò a vedere una farsa già scritta e come spero che faranno la maggior parte dei livornesi.

  14. # Riccardo

    Ma sono estratte a sorte non assegnate, la combinazione ha voluto che i rioni più blasonati avessero quelle boe, ma state scherzando il prossimo passo sono le scie chimiche.

  15. # letizia

    Complimenti a chi organizza perché non si può dire alle sezioni nautiche del mini palio maschile e femminile che la gara viene rimandata alle 16,15 perché le boe non erano state ancora messe…è vergognoso …vogatrice del salviano

  16. # Gilberto Gibi

    E’ LA FINE DEL PALIO !!!!! BRAVI ORGANIZZATORI !!!!!!

  17. # amaranto67

    sei de’r venezia vero? i meglio pezzi vengano a voga da voi perche c’avete ir cavallino bianco sulla prua secondo te? basta guarda i bilanci de’r comune…

  18. # roberto

    ma quali turisti?

  19. # Rimano G.

    Quanti commenti negativi, non è mica perché siete dei frustrati?

  20. # lillo

    siete come la juve……..siete come la juve

  21. # venezio

    Venezia fa IR c… a tutti

  22. # maurizio

    Illio…..forse come il vicenza bianco rossi

  23. # magilla801

    Comunque faccio notare che Nogarin non si è presentato al suo Primo Palio da Sindaco, non male, non male davvero!E non mi rispondete che non poteva esserci perché era impegnato a scegliere gli assessori…

  24. # Alex

    Dispiace vedere questa gara scadere sempre di più ogni anno. Negli ultimi anni, oltre ad aver assistito alla scomparsa di alcuni rioni storici del Palio (vedi
    Ardenza, Antignano, Fabbricotti), assistiamo a gare noiosissime, il Venezia dall’alto del suo maggiore budget economico vince gare senza storia
    (è come vedere il Milan in un campionato con Rosignano, Cecina e Collesalvetti), con gli altri a fare da comparsa. Credo che se non ci sarà un cambio di rotta il palio perderà sempre più spettatori e fascino (già diminuiti di molto entrambi), bisogna cercare di rivedere tutto il sistema e cercare di riportarlo com’era una volta, con tutte le cantine storiche, gare combattute e la terrazza stracolma di gente, altrimenti mi sa che fra qualche anno questa bellissima manifestazione livornese chiuderà i battenti.

  25. # IOR

    ….e hai notato bene!!!

  26. # nera

    se Dio vole anche per quest’anno le gare sono finite ora si respira un po’

  27. # Beppone

    Da mondo è mondo chi vince sempre è odiato !…detto da uno che da sempre ho tifato Pontino San Marco, pur non essendoci nato o cresciuto…il Venezia è la barca più forte, avrà anche (come dite voi) il budget annuale più alto di tutti….ma è anche vero che i giovani, quando si avvicinano a questo meraviglioso e duro sport, lo vogliono fare attraverso la cantina del Venezia…forse avranno un più organizzazione, una cantina meglio organizzata, bravissimi dirigenti, un quartiere che li sostiene sempre ed una forza economica decisamente superiore…ecco perchè vincono e convincono…Bravi..e complimenti per il vostro trittico di vittorie!

  28. # Baccio

    Nella vecchia amministrazione era previsto il palio dell’ antenna è vero, quindi se era previsto dovevano pure aver stanziato dei soldi per farlo chissà dove li hanno fatti sparire prima di andarsene

  29. # Izio

    Hai detto bene sei tifoso del Pontino ma non sei un rionale nato e cresciuto nel rione, e poi scusami ti contraddici dicendo che è vero che il venezia ha un budget astronomico rispetto ad altri, e poi dici che sono meglio organizzati ma lo sai con cosa si costruisce l’ organizzazione e la struttura? CON I SOLDI caro mio, e lasciatelo dire da un pontinese nato cresciuto e residente sul Pontino, che se avessimo avuto anche meno della metà di quello che hanno a disposizione loro il palio lo avrebbero rivisto domai.

  30. # den

    Ma che c’entra? Si sono insediati da un mese, il palio verrà cambiato ma dategli il tempo. Questo sistema di gare era un eredità della vecchia amministrazione. Se non si sanno le cose almeno tacete

  31. # amaranto67

    vedi beppe l’hai detto te stesso… hanno il budget migliore… una volta i soldi arrivavano dai rionari e dalle ditte e dai negozi del quartiere, oggi i soldi arrivano dagli enti locali, con la crisi pur di continuare a versare abbastanza soldi per mantenere al top certe cantine si è deciso di chiuderne altre.. non mi pare regolare… una volta chi andava a voga per il venezia era (perlopiù) veneziano o figlio di veneziani… oggi uno cresce alla valle benedetta e perché c ha i bracci più grossi di quell’artri monta sull’armo del venezia perché sempre grazie ai soldi del comune trova una cantina dotata delle migliori attrezzature e una palestra degna della GEMINI… cosa che non trovavano andando nella cantina del montenero o del quercianella perché come al solito per il comune e per il comitato son sempre esistite cantine di serie A e di seri B… non lo trovo giusto…

  32. # mario der riovero

    il bello della competizione rionale sarebbe se gareggiassero come vogatori solo i componenti dei rioni. così non sa di niente vincono sempre i soliti è diventato un palio da 4 soldi

  33. # karl

    Quindi con questo tuo commento affermi che i vogatori del Venezia sono stipendiati profumatamente con migliaia di euro. Io non credo proprio.

  34. # Veneziano

    Con queste affermazioni si vede che le cantine le giri poco! Parli di attrezzatura che neanche alla gemini…passa oggi pomeriggio e la vedi…poi ti pago cena da oscar visto che ci stipendiano mensilmente. Ti rivesto anche, visto che ci fanno gli sconti dell’80% da cuccuini. Le tasse ai vogatori del Venezia son dimezzate del 50%. La benzina la paghiamo 1.45! Questi veneziani, son proprio aiutati da tutti. Con 20 euri ci faccio la spesa di un mese perché la cooppe è veneziana! L’abbonamento ai pancaldi 5 euro, con gabina naturalmente! C’ho il posto barca gratis! I parcheggi per le macchine non li pago, siamo esentati! Potrei continuare per non sai quanto…

  35. # Sabo

    Ero sui Pancaldi. Ricordo gente in punta a guardare il giro di boa. Chi ha girato per primo? Guarda che remata ….Non parlo di decenni fa , parlo di due tre anni fa…Ieri nessuno; a nessuno importava niente. Constato, altri, competenti, ci dicano perchè, grazie.

  36. # Izio

    Fai bene a non continuare perchè dovresti aggiungere le decine di migliaia di euro che vi da tizio e caio, ma come siete spiritosi voi veneziani

  37. # Izio

    HAI PERFETTAMENTE RAGIONE MARIO

  38. # amaranto67

    il riferimento alla GEMINI era chiaramente un eufemismo.. una figura retorica che noi livornesi pratichiamo costantemente, ingigantiamo per rendere ancora piu evidente un EVIDENZA… premesso che bazzicavo la mia sezione nautica (che grazie anche a voi non c è piu) da quando son riuscito a arrivare giu al moletto a piedi e che quindi qualcosellina della storia delle cantine negli ultimi 30 anni penso di saperla, voler dare a intendere che le vittorie del venezia siano frutto della forza dei VENEZIANI è una gran presa per in giro.. il venezia vince perche ha piu risorse spendibili ( e queste derivano in parte dalle donazioni e in parte dai finanziamenti del comune ) e che grazie a questo puo attingere agli altri gozzi per migliorare il proprio.. quel che dico non lo dico a caso.. se ti risulta che sul venezia siano tutti VENEZIANI di nascita o di famiglia… sputtanami ma non a discorsi… un amico buono voga nel venezia da anni, è partito dagli juniores e ora è sul 10, non dico il quartiere dove è nato, cresciuto e in cui ancora vive per rispetto (non è veneziano) e quando gli ho chiesto come mai è sullo sgarallino (lo so è I.piccini ma son nato conoscendo l armo rosso con quel nome), seraficamente mi ha risposto che è la cantina con le attrezzature migliori (riferendosi chiaramente alla concorrenza) dove si recupera più che altrove ( e non parlo di donne) e dove grazie alle attrezzature disponibili è come fare palestra gratis…

  39. # amaranto67

    si mario com era una volta… sarebbe bello tornare alle tradizioni dove le ciurme erano interamente fatte dai ragazzi e gli uomini migliori del rione.. era sentito, c era lo sfotto e non si gareggiava solo per vincere ma anche per arrivare davanti al gozzo del rione avversario, c era sempre una gara nella gara anche quando non si partiva favoriti.. le cose erano piu genuine, c erano i soliti trucchetti certo, tipo alleggeri le barche o cercare il modo di scorrere sul sedile per usare la spinta delle gambe… ma rientrava sempre una furbata che rientrava nello spirito del palio… poi hanno iniziato a falsificare le residenze, a offrire soldi ai vogatori piu forti e tutti per continuare a stare a galla si son dovuti adeguare.. a un certo punto per non sanzionare i soliti noti han pensato bene di liberalizzare le residenze cosi da poter fare tutto alla luce der sole e i gozzi son diventati qualcosa di disgiunto dai rioni che dovevano rappresentare… è li che è iniziata la lenta agonia del palio, ecco tornare indietro di 40 anni… e rivedere i vincitori cor gozzo sur rimorchio a fare il giro della città per prende in giro tutti gli altri…

  40. # amaranto67

    soprattutto bisogna riportare le cantine dentro i rioni… avvicinare i giovani e fargli conoscere la storia della loro città… a partire dalle scuole..

  41. # Baccio

    Concordo con te amaranto anche io il palio l’ ho vissuto quando era veramente un palio e non una gara di canottaggio come oggi dove vince chi ha più risorse e può scegliere i migliori vogatori se vogliamo che a Livorno esista il palio bisogna tornare a far rivivere i rioni, certo i tempi sono cambiati ma possiamo sviluppare una partecipazione adeguata ai nostri tempi, in altre città esiste nei palii una forte partecipazione popolare, con un po’ di umiltà potremmo anche noi imparare come hanno fatto gli altri e adeguarci ai tempi

  42. # se non lo sai SALLO

    amaranto67 la figura retorica a cui fai riferimento si chiama iperbole non eufemismo!!!