Palio, la storia. Una tripletta in famiglia: Francesca esulta con il Borgo, Federico gioisce nel Venezia

A distanza di 30 anni dal successo del padre nella Risi'atori i due figli sbancano il jackpot della stagione remiera

di gniccolini

Mediagallery

LIVORNO –  Forse era già scritto sul libro del Destino quando babbo Fabio Ferroni nel 1983 alzò le braccia al cielo sul gozzo del Pontino per esultare dopo la vittoria della Risi’atori.
Trent’anni dopo, Francesca e Federico, i suoi due figli, entrano di diritto nell’albo d’oro delle gare remiere cittadine grazie a due splendide triplette. Francesca Ferroni (20 anni) vestita con i colori bianco-neri del Borgo e Federico il fratello maggiore di 23 anni, targato biancorosso veneziano.
Una stagione esaltante per la famiglia Ferroni che ha vissuto così gioie infinite grazie alle imprese di due gozzi “rivali”. Nota infatti l’antipatia sportiva tra le due cantine del Venezia e del Borgo che però non ha influito sull’impegno costante e sul duro lavoro di entrambi i fratelli Ferroni per portare a casa il massimo dei trofei in palio. E così è stato.
Francesca si è messa in tasca una fantastica tripletta con le sue colleghe borghigiane grazie alla vittoria della Lorenzini, della Barontini e ieri del Palio femminile.
Federico, manco a dirlo, protagonista insieme ai suoi compagni di gozzo a 10 remi, di una stagione “pigliatutto”. Il Venezia infatti, a parte la Santa Giulia, si è portata in bacheca la Risi’atori, la Barontini e il Palio Marinaro aggiudicandosi così il “cencio” che spetta di diritto a chi vince tre palii.
Una storia di passione e sport che inorgoglirà sicuramente babbo Fabio che in quel 1983 vinse la Risi’atori ma perse il gozzo a 10.  Sorrisi e lacrime di stagioni remiere.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Brontolo

    Nel 1983 il Pontino vinse la Risi’atori poi perse il gozzo arrivando ultimo al palio e l’Ardenza la rosa arrivo prima ( io c’ero)

  2. # valerio

    Un grande applauso a questi ragazzi e un ringraziamento a tutta la famiglia per la tradizione remiera che ha saputo tramandare di generazione in generazione.
    Speriamo il prossimo anno di vederli replicare questi successi uniti sotto uno stesso rione…

  3. # emme

    Ma quanto durera’ ancora il palio ? Due, tre anni…troppe cose sono cambiate.

I commenti sono chiusi.