Natale amaranto al PalaMacchia: è festa per i futuri campioni

Mediagallery

di MARCO PALUMBO

Il 2013 del settore giovanile del Livorno Calcio passa agli archivi e si conclude con la consueta festa natalizia tenutasi al Palamacchia. Davanti al responsabile del settore giovanile, Alessandro Doga, al Presidente dell’Academy Livorno, Riccardo Testa, e al Presidente della sezione livornese del Coni, Giovanni Giannoni, i giovani calciatori della società amaranto hanno ricevuto l’abbraccio del folto pubblico assiepato sui gradoni del vecchio Palazzetto dello Sport. I primi ad essere stati chiamati sul lucido pavimento di legno del Palamacchia sono stati i più piccolini, vale a dire i Pulcini – classe 2006, 2007 e 2008 – che hanno raggiunto il centro del parquet con un misto di timore e di emozione. Subito dopo è stata la volta degli Esordienti B ed A, insieme ai pari età dell’Academy Livorno, società affiliata a quella amaranto. È toccato poi ai calciatori delle categorie Giovanissimi, regionali e nazionali, e agli Allievi nazionali; per ultima ha sfilato la Primavera allenata da Sergio Zanetti, protagonista di un’ottima prima parte di stagione nel proprio campionato. Applausi scroscianti per tutti i giovani sportivi amaranto, che hanno ricevuto in regalo anche il classico panettone e il dvd della promozione in serie A della scorsa stagione.
Contenti non solo i calciatori, ma anche i dirigenti della società. «C’è ancora molto tempo prima di arrivare all’agonismo», ha affermato Alex Doga, che ha espresso grandissima soddisfazione per il cammino che i bambini stanno svolgendo, «per adesso è giusto che questi ragazzi, soprattutto i più piccoli, si divertano». L’ex esterno sinistro amaranto ha poi augurato un buon Natale agli sportivi e ai tifosi livornesi. Sulla stessa linea di pensiero anche il numero uno della sezione cittadina del Coni, Giannoni: «quest’oggi la nostra presenza era fondamentale, perché siamo da sempre attenti alle attività sportive rivolte ai più piccoli. Lo sport, dopo la famiglia e la scuola, è il terzo pilastro dei giovani». Ha preso la parola anche il Presidente dell’Academy, Testa, che, nel ringraziare il Livorno Calcio «per la grande opportunità che ci dà», ha voluto ricordare l’importanza di investire nella ricerca sulla Fop, la grave malattia che colpisce un bambino ogni due milioni e della quale soffre anche il figlio del capitano del Livorno, Andrea Luci.
Non solo calcio, comunque, nel pomeriggio amaranto. Fra una sfilata e l’altra, infatti, vi è stato spazio anche per la danza, sia classica che moderna: le ballerine della scuola “Eden”, che da molti anni collabora con il Livorno, hanno intrattenuto il pubblico esibendosi in cinque coreografie ideate dalle insegnanti Elena e Giulia Turchi. Finale con le gag di Graziano Salvadori e con le note del cantante labronico Lorenzo Iuracà.
Festa di Natale 2013 e presto di nuovo in campo per difendere orgogliosamente i colori amaranto anche nel 2014.

 

 

Riproduzione riservata ©