Spinelli a pranzo con i giornalisti: “Vogliamo tutti il bene del Livorno”

Mediagallery

Prima della partita contro il Milan, il presidente Spinelli ha voluto incontrare i giornalisti per il classico pranzo di Natale.
Alla “Barcarola” di viale Carducci il patron – accompagnato dal vice presidente, i dirigenti Perotti, Capozucca, Signorelli, Armenia, e il responsabile dell’ufficio stampa Nacarlo – è apparso sorridente e ha scherzato con i presenti. Si è parlato di Milevsky (“ho fatto un terno al Lotto a non prenderlo”) e anche delle numerose chiamate ricevute dopo le dichiarazioni su Nicola:  “Mi ha chiamato un procuratore di un allenatore internazionale, ma non posso dire il nome”. Le due ore sono volate via in un batter d’occhio con Spinelli che, in più di un’occasione, ha ribadito la stima incondizionata verso il mister e la squadra: “Lui è e resta l’allenatore del Livorno. Tutti abbiamo commesso errori, ma faremo di tutto per restare in serie A”.
A fine pasto c’è stato il classico brindisi: “Un grazie a tutti voi che date una mano al Livorno. Nonostante ci sia qualche lingua biforcuta (ride, ndr) vedo che tutti stiamo remando nella stessa direzione”. La società ha poi fatto omaggio a ogni giornalista di una bottiglia di vino e di un paio di guanti del Livorno Calcio. Visto poi quanto successo in campo contro il Milan e conoscendo la scaramanzia del presidente non è da escludere di rivedere questa scena sempre prima di ogni partita…

Riproduzione riservata ©