Buon compleanno vecchia Unione, 99 anni. Tifosi in corteo per la città

Mediagallery

Come di consueto potrete trovare il link alla fotogallery e videogallery in fondo all’articolo

Il 17 febbraio 2014 il Livorno Calcio ha compiuto 99 anni. Per festeggiare questo evento i tifosi hanno organizzato un corteo con partenza in piazza Attias. Circa 200 supporter hanno sfilato per le vie del centro davanti lo striscione “Non piegare un istante giammai”. Tra i presenti c’era anche Francesco Bardi, livornese doc, che non si è voluto perdere la possibilità di festeggiare il quasi centenario del Livorno. Ovviamente non è mancato il pensiero a Morosini così come per Luci che è stato costretto a terminare la stagione anzitempo per la rottura del crociato. La speranza per tutti gli sportivi è di poter festeggiare il centenario nella massima serie. La strada intrapresa da Di Carlo sembra essere quella giusta.

Cenni di storia del Livorno
Il 17 febbraio, come tutti gli appassionati dei colori amaranto ben sanno, è il giorno in cui ricorre il comunicato ufficiale che sancisce la nascita dell’Unione Sportiva Livorno: 99 anni di grande storia. Il 14 febbraio 1915 le due squadre di calcio cittadine la Spese la Virtus Juventusque per opera dei loro dirigenti, in particolare dell’avvocato Giorgio Campi, decisero di unirsi per formare un unico forte team che avrebbe potuto lottare con gli squadroni della penisola. Dopo lunghe e fitte riunioni il 14 febbraio 1915 in via Grande fu siglato l’accordo definitivo della fusione. Il colore sociale fu l’amaranto: quello della città.
La notizia non fu data subito perché molti tifosi di Spes e Virtus non erano d’accordo e si temevano ripercussioni per il forte antagonismo tra le due compagini. Il comunicato stampa ufficiale alla città fu diramato solo il 17 febbraio a cose ormai avvenute. Presidente venne acclamato il cav. Arrigo Galeotti. Vicepresidenti: Gino Carrara, Giuseppe Bricoli e Giorgio Campi. Erano tutti nomi importanti che ben rappresentavano la città, il terreno di gioco scelto fu quello di “Villa Chayes” (l’attuale campo dell’Accademia in via Lepanto).
In quell’anno i maestri Campi e Montanari incisero anche l’inno della Società “L’Amaranto è la nostra bandiera” che anche oggi suona all’Ardenza quando la squadra entra in campo. Con il passare delle stagioni sportive la società ha cambiato, anche a causa di alcune tribolate vicende societarie, la sua denominazione, passando da Unione Sportiva ad Unione Calcio Livorno a Pro Livorno, arrivando fino all’attuale A.S. Livorno Calcio 1915.
In novantasei anni di storia amaranto due secondi posti (nel 1920 dietro l’Internazionale e nel 1943 dietro al Torino), una vittoria in Coppa Italia di serie C e la partecipazione alla Coppa Uefa. Il traguardo europeo è stato raggiunto grazie alla strepitosa gestione del presidente Spinelli (quindici anni a marzo) che ha portato agli amaranto anche quattro storiche promozioni: dalla C1 alla B e dalla B alla A (per tre volte).
Il giocatore più presente è stato Mauro Lessi con 369 presenze, miglior realizzatore Igor Protti con 123 centri, miglior goleador in A Lucarelli con 74 gol.
Quasi un secolo di storia che il Livorno Calcio ricorda con una grafica speciale del proprio sito internet www.livornocalcio.it, con un numero speciale del proprio magazine ufficiale “Amaranto” e con una particolare edizione del Match Stadium per Livorno-Verona. Quasi un secolo di storia: forza cara vecchia Unione!

Riproduzione riservata ©

21 commenti

 
  1. # maurizio

    Ora e sempre il livorno nel cuore

  2. # Alla Frutta

    Bisogna scendere in piazza anche per le cose serie . Domani ( martedì) a Roma c’e una manifestazione contro lo Stato promossa dalle aziende a cui possono aderire tutti da i disoccupati ai pensionati.

  3. # pippolivorno

    hai perfettamente ragione….. ma a Livorno ci sono state molte manifestazioni di piazza sia negli ultimi anni che negli ultimi mesi e questi ragazzi sono sempre stati in prima fila, anche a roma 15 ottobre 2011 e 19 ottobre 2013

  4. # matteo

    si sa che ci sono queste cose, ma non per questo bisogna evitare di festeggiare le poche cose che ci fanno divertire.

  5. # UNIONE

    questa è una cosa seria e speriamo che sia di buon auspicio per festeggiare a maggio!

  6. # andateavantivoi

    te ci sei?
    oppure fai parte di quella categoria che aspettano sempre che le cose le facciano gli altri e sono li pronti a criticare o a salire sul carro?

  7. # GianKa

    Manifestazione delle aziende contro lo Stato!? ahahah

  8. # Gianca

    carissimo alla frutta, tu venissi alle manifestazioni, vedresti che c’è sempre molta gente..tra cui anche persone che oggi hanno festeggiato i 99 anni del Livorno, il problema è che il didietro pesa troppo quando c’è da alzarsi dal divano o dal letto. Saluti.

  9. # paolo

    non capisco quei pollici in basso per chi scrive livorno nel cuore…..cosi come è giusto quello che scrive “alla frutta”….ma gli stessi ragazzi sono scesi in piazza anche per la cattiva gestione della città in passato…ed erano sempre e solo gli stessi

  10. # virgilio

    E ora che hanno bisogno dovrei scendere in piazza con i padroni? troppo facile ora…quando siamo andati in piazza noi eravamo dei vagabondi…ora invece vorrebbero una mano…comunque grande manifestazione del tifo amaranto…c’ero anch’io…mi sono sentito più giovane…grandi!!!

  11. # Andrea

    Grande esempio di civiltà. Qualcuno in questa città ancora lavora, concetto a voi sconosciuto. O almeno ci prova. E l’amministrazione cosa fa? Autorizza un corteo di lunedì per le vie del centro. Fumogeni, strade bloccate, un furgone che transita bellamente in via ricasoli.
    Panem et circenses…
    Ma il panem finirà..e anche presto.

  12. # mi par mill'anni

    E’ stata una bella iniziativa . Come tutti i compleanni anche il livorno ha avuto i suoi cittadini a festeggiarlo, un modo per ringraziare anche chi a questa maglia ha dato tanto . Bravi !
    Ora ce ne vorrebbe un’altra per la crisi ..

  13. # Alla Frutta

    Vieni a Roma che io sono qui invece di stare al barrino a giocare a poker e parlare del Livorno

  14. # andateavantivoi

    Gianca, scusalo, dal divano non può vedere

  15. # andateavantivoi

    giustissimo, quindi chi non lo sa vuol dire che a quelle manifestazioni di protesta non era presente…………dietro le tastiere è pieno di rivoluzionari

  16. # andateavantivoi

    sono tutti collegati da Roma per mettere i pollicini rossi,ci sarà mezza Livorno oggi nella capitale.
    Grandi mentre protestano sono li che cliccano per i pollicni…….ahahhahha

  17. # alessandro balleri

    CHI CRITICA QUESTA MANIFESTAZIONE E IL CLASSICO TIFOSO OCCASIONALE E MAGARI JUVENTINO , FORZA VECCHIO CUORE AMARANTO

  18. # andateavantivoi

    ho un ricordo di piu di una decina di anni fa, quando ad una manifestazione di lavoratori nelle vie del centro, da alcune ” aziende” veniva gridato ” andate a lavoro vagabondi”………….

  19. # El Guero

    Sai qual è il problema ALLA FRUTTA? è che se veramente sei andato a Roma, non ce bisogno che tu lo dimostri….la manifestazione è una scelta personale perchè è proprio il pensiero individuale che porta poi a far ritrovare tutte le persone insieme che condividono lo stesso pensiero….non lo devi sbandierare per dimostrare chissà cosa…sicuramente in questo corteo per la nascita della società sportiva ci saranno state tante persone che non sanno nemmeno cosa fanno, ma essere in mezzo ai tifosi è “ganzo”, come d’altra parte ci sono anche tante persone che vanno alle manifestazioni sociali o politiche ma che ugualmente non sanno cosa fanno…quindi evita di puntare il dito e ricorda che basta tu sia convinto di quello che fai, qualsiasi cosa essa sia….

  20. # traf

    Andrea,
    trovo piu’ scandaloso autorizzare l’occupazione di piazza delle repubblica (la piu rappresentativa della città) da giostre, bruchi mela e sagre varie.
    Almeno hanno dimostrato attaccamento alla città, cosa che non tutti i livornesi sanno fare e pochi mettono all’attenzione dell’amministrazione.
    Il restauro autonomo della curva è un altro caso molto anomalo…mai sentito in altre città. purtroppo livorno è figlia del suo popolo.io sono livornese puro. questa è la realtà
    complimenti a questi ragazzi e non

I commenti sono chiusi.