Mini Risi’atori, doppietta del Borgo Cappuccini

di Gianni Picchi

Gli Scali Novi Lena, in occasione della 36° Coppa Tito Neri Risi’atori, si tingono di bianconero. Nelle due gare in programma, under 18 maschile e femminile, le due imbarcazioni borghigiani siglano una strepitosa doppietta. Tra gli applausi degli avversari i due team sono rientrati in sede, dove le urla di gioia giungevano fino al cantiere. Un sabato che lascia ben sperare per la gara di domani, anche se con percorsi diversi. Ma siamo certi che saranno due gare emozionanti. Dopo la gara dei gozzi a 10 remi ci sarà la premiazione al palco centrale di piazza Mazzini.
Team vincente under 18 Borgo Cappuccini
Timoniere: Samuele Feola. Vogatori: Gabriele Saccaro, Manuel Nannetti, Luca Locci, Valerio Zenga. All. Sergio Biagini
Team vincente femminile Borgo Cappuccini
Timoniera: Alessia Lucarelli. Vogatrici: Anna Franceschi, Jenny Guarnieri, Mara Locci, Giulia Volpi  (e Valentina Lenzi, che non è potuta salire in barca per noie alla colonna vertebrale.) All. Sergio Biagini

IMG_4030

I risultati delle gare
Qualificazioni under 18
1° Borgo ( 5’29”7)
2° Pontino ( 5’43”9)
3° Venezia ( 5’55”5
4° Salviano ( 5’57”7)
5° Livorno Sud ( 5’59”8)
Finale 3° 4° posto
3° Venezia ( 5’54”4)
4° Salviano (5’56”2)
Finale 1° 2° posto
1° Borgo C. ( 5’32”)
2° Pontino ( 5’44”5)
Qualificazione Femminile
1° Borgo C. ( 6’05”4)
2° Labrone ( 6’12”1)
3° Livorno Sud ( 6’17”2)
4° Salviano ( 6’37”5)
Finale 3° 4° posto
3° Livorno Sud ( 6’18”7)
4° Salviano ( 6’33”9)
Finale 1° 2° posto
1° Borgo C. ( 6’00”1)
2° Labrone ( 6’15”7)

Due riflessione finali. 
E’ stato un pomeriggio all’insegna dello sport, gare molto belle, equipaggi perfetti, ma scarso, molto scarso, pubblico. Quindi il “dodicesimo” uomo, non esiste, e chi gareggia si trova solo con se stesso. Ascoltando solo la voce del timoniere. La giornata calda e soleggiante ha portato i livornesi a preferire il mare? E noi ci domandiamo, non sarebbe migliore far gareggiare i maschi, e le femmine la mattina dove si svolgono le gare di 4 e dei 10? Secondo noi molto più pubblico si porterebbe sulle spallette e sul ponte girevole.
Inoltre perché il percorso invece che in senso verticale, non si disegna in senso orizzontale? In questo modo si coinvolgerebbe maggiormente il pubblico, avendo nel campo visivo l’intero percorso, sia destra che sinistra. Così come è ora è dispersivo, e non è possibile valutare l’andamento delle gare.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Vogatore/Spettatore

    Aggiungerei una riflessione:
    Che gran peccato vedere dei ragazzini nemmeno maggiorenni insultare i giudici di gara, e i genitori anzichè redarguirli inveiscono ancor di più nei confronti dei giudici, i quali poi sono stati costretti a far allontanare il pubblico dalla loro postazione.
    Penso che il mondo della voga sia fatto si di rivalità tra gozzi, ma ciò che lo distingue da altri sport è il rispetto per l’avversario e per chi ci passa gran parte del proprio tempo, dagli allenatori a chi organizza (da sottolineare che chi organizza il più delle volte lo fa con poche risorse e aiuti, e quindi son persona da elogiare anziché offendere).
    La voga è passione, ed anche se ci si arrabbia per un ingiustizia o una decisione sbagliata, o per aver perso per una palata, non va mai mancato il rispetto per gli altri.

  2. # Montesi

    Per #vogatore/spettatore, non sono per niente d’accordo con te, considerando che ormai questo sport è quasi morto, non possono permettersi di fare delle cose scorrette come è successo ieri.
    Il fatto che ci abbiano rifatto fare la gara a noi del salviano perché hanno sbagliato a prendere il tempo ci poteva stare, dato che sbagliare è umano, ma farci partire 5 metri di svantaggio in confronto dei nostri avversari è stata una brutta cosa.
    Inoltre il rispetto lo hanno mancato per primi i giudici nei nostri confronti, dato che, ad un commento del nostro secondo remo ( che era si indirizzato ai giudici ma non c’era alcuna offesa) gli è giunta come risposta ; “M’importa una … sta zitto e voga”

  3. # michela

    VORREI RISPONDERE ALLA PERSONA CHE HA LASCIATO QUESTA RIFLESSIONE.IO HO INSEGNATO A MIO FIGLIO CHE LO SPORT DEVE ESSERE UN MOMENTO DI SVAGO DI DIVERTIMENTO,LO SPORT CHE PRATICANO QUESTI RAGAZZI RICHIEDE UNO SFORZO SIA FISICO CHE PSICOLOGICO,SENTONO LA GARA IN PARTICOLAR MODO,IERI IL SALVIANO ERA RIUSCITO A FARE UN BUON RISULTATO, POI DOPO, COSA SUCCEDE ? CHE LA GIURIA NON PRENDE IL TEMPO DEL SALVIANO,QUESTI RAGAZZI SONO STATI COSTRETTI A RIPETERE IL GIRO, OVVIAMENTE LO STRESS E LA FATICA SI SONO FATTI SENTIRE DURANTE GLI ALTRI DUE PERCORSI.
    QUELLO CHE VORREI DIRE è CHE CI SONO STATI COMPORTAMENTI DA PARTE DELLA GIURIA MOLTO SCORRETTI, INOLTRE SI SONO PERMESSI DI OFFENDERE DUE MEMBRI DELL’EQUIPAGGIO DEL SALVIANO.
    SE I RAGAZZI SI SONO SFOGATI NEI CONFRONTI DELLA GIURIA SECONDO ME (E MOLTI ALTRI) è STATO PIù CHE GIUSTO.
    COMUNQUE VOLEVO CHIUDERE IL DISCORSO FACENDO I COMPLIMENTI AI RAGAZZI DI TUTTI I RIONI CHE HANNO PARTECIPATO

  4. # UomoNero

    Ti sbagli, nella finale per il terzo e quarto posto erano i vostri avversari ad avere quei metri che hai menzionato di svantaggio.

  5. # barbara

    Allora vogliamo parlare di rispetto,sportività e uguaglianza?..purtroppo nella mini-risiatori disputata ieri non possiamo. . È stato vergognoso che un giudice di possa permettere un simile comportamento. Ricordo che deve essere il primo a portare rispetto e DEVE essere imparziale altrimenti può benissimo venire con noi che non portiamo rispetto a chi distrugge in un attimo gli ideali di PURO e SANO divertimento. Chiedo al vogatore-spettatore : devo insegnare a mio figlio di abbassare la testa alle ingiustizie ? Bravi a tutti questi ragazzi che mettono tutto ,anima e cuore, in 5 minuti !!!

  6. # vogatore

    Per vogatore/spettatore.
    È inutile dire le cose se non sappiamo tutto fino in fondo.
    Abbiamo avuto delle discussioni con la giuria perche non sono stati corretti e se sono partite delle offese dalla nostra barca è perche loro hanno fatto altrettanto con noi.
    Alla fine della prima gara ci hanno fatto stare 20 minuti sotto il sole e con il caldo che faceva perche il tempo era in calcolo e dopo ci hanno detto che dovevamo ripartire perche la GRANDE GIURIA non aveva preso il tempo.
    Ma la cosa che ha dato piu fastidio a noi è che allo scozzo contro il venezia ci hanno fatto partire con qualche metro di svantaggio e questo a noi non è andato bene.
    Bastava organizzare meglio la finale..

I commenti sono chiusi.