Juniores. Brutto scivolone per la Pls

Mediagallery

di GIANNI PICCHI

Pro Livorno Sorgenti – Gracciano 0-1

Pro Livorno Sorgenti ( 4-2-3-1) Pagani, Botti, Quaglia, Bertolla ( 67’ Rivecci) Sgariglia, Toti, Domenici ( 53’ Cesarano) Galgano ( 86’ Brondi) Marconi ( 58’ Cantone 83’ Salvetti) Malloci, Zoncu 12 Esposito 18 Raglianti All. Signorini

Gracciano ( 4-4-1-1) Soldati, Casati ( 67’ Giorli) Paoletti El Quardy (46’ Rollo) Marinucci, Anichini, Carli, Rega, Pedani, Tramonte, Vodo 12 Pazzagli 15 Vanni 16 Angiolini 17 Cibecchini All. Calonaci

Arbitro: Sunanda Girolami di Lucca

Rete: 10’ Pedani

Un primo tempo, che, la Pls, gioca con sufficienza. Si fa sorprendere sulla rete realizzata di Pedani, e non ha la giusta reazione. Ricordiamo che il Gracciano ha segnato al 10’ del primo tempo. Nella seconda parte della gara, entra sì con un approccio, ed un passo, diverso, ma non riesce a finalizzare le proprie azioni, rendendo il sabato tranquillo a Soldani. Mister Signorini parte con l’ormai consueto 4-2-3-1, per passare, con l’ingresso di Cesarano, ad un 4-3-3; ma in entrambi i disegni tattici, non permettono alla Pls di raggiungere, almeno, il minimo scopo, il pareggio.

Dopo le prime giornate, dove la Pls aveva dimostrato di avere le carte in regola per poter far la voce grossa in questo campionato, la squadra ha perso idee, e brillantezza. E’ diventata una squadra prevedibile, da quando dalle fasce non vi è stata più la giusta, e costante, spinta. A Castelfiorentino, su quel terreno in terra vulcanica, almeno sul piano della grinta, e della volontà, sembrava dare buone speranze per una ripresa positiva. Con il Gracciano, squadra dotata di buone trame, buona corsa; ma niente di trascendentale, è mancata anche la buona cattiveria. Restano tredici giornate alla conclusione del campionato, il tempo di invertire questa tendenza, non manca.

La rete

Il Gracciano gioca sulla trequarti locale. Palla imbucata centralmente. Pedani si infila in mezzo ai due centrali difensivi, e batte Pagani in uscita con un pallonetto.

Riproduzione riservata ©