Eccellenza. Pro Livorno Sorgenti beffata nel finale

Mediagallery

di GIANNI PICCHI

Pro Livorno Sorgenti vs PietraMarina 1-2
Pro Livorno Sorgemnti (4-3-3 ) Sannino, Stefanini A., Rossi, Giglioli, Sgariglia, Petri, Vaglini ( 84’ Botti) Pellegrini ( 74’ Del Corona) Mordagà ( 78’ Bozzi) Hemmy, Filippi. A disp: 12 Stefanini M. 13 Spagnoli 15 Vannucci 16 Galgano All. Tinucci
PietraMarina (5-3-2) Puntelli, Davini ( 69’ De Masi) Di Lauro, Perfetti, Del Tongo, Brizzi, Pellacani ( 75’ Del Carlo) Cantatore, Fusco, Peselli, Megali ( 55’ Capo). A disp: 12 Costa 16 Mancini 17 Lavorini 18 Celeri All. Della Bona
Arbitro: Falzone di Firenze ( Sassetti di Pisa-Seni i Arezzo)
Reti: 5’ Fusco 16’ Mordagà 89’ Peselli

Mai dire mai. Ormai i più si erano convinti che l’incontro si chiudesse con un pareggio. Ma per squadre come il PietraMarina dobbiamo attendere il fischio finale per scrivere la verità. La squadra ospite del presidente Ciaponi, un amante di Livorno, dallo scorso anno sta lavorando per effettuare il salto di qualità. E quest’anno il Ponsacco ha tagliato le ambizioni di qualcuno, ma non di certo al PietrsantaMarina. Il punto sarebbe bastato per mantenere la seconda piazza, ed a seconda del distacco dalla quinta, non potrebbe giocare il primo turno dei playoff, ed alla Pls dormire sonni tranquilli per mantenere la categoria.
La squadra della Versilia era partita con il piglio della squadra di rango, e dopo 5’ era già in vantaggio, anche se la difesa locare era, momentaneamente, distratta. Palla imbucata centralmente e Fusco entra in mezzo ai due centrale, si presenta davanti a Sannino, in uscita, lo dribbla, e deposita la palla in rete.
Reazione della Pls ed al 16’ Rossi scende in fascia sinistra, e cross al centro dell’area, dove, Mordagà in tuffo di testa batte Puntelli. E la punta amaranto raggiunge quota 12 nella classifica cannonieri.
Nella ripresa la musica non cambia. Ma la Pls ha un acuto al 59’, e potrebbe andare in vantaggio con Stefanini, che, da fuori area, calcia verso l’angolo basso opposto, dove Puntelli non può arrivare. Mordagà, nel frattempo andava ad occupare spazio, proprio sul secondo palo, in fuorigioco. Così la gioia di Stefanini restava strozzata in gola.
La partita abbassava i suoi ritmi, e si aveva la sensazione che, i giocatori, attendessero la fine. Ma all’89’ rapido contropiede degli ospiti. La palla arriva a Peselli, che, da 25 metri, lascia partire un tiro sotto la traversa, che rende inutile il tentativo di Sannino.
Amarezza, e delusione, per il team della Pls, mentre i ragazzi di Della Bona vanno al centro ad esultare. I due volti del calcio.
Stefanini di nuovo in campo dopo un anno – Un anno di sofferenze, operazioni, riabilitazione, tentativi di tornare sul green, e alla fine oggi Alessandro Stefanini, classe ‘87, è in formazione sin dal primo minuto, e si ferma quando l’arbitro fischia tre volte. Un inizio senza paure: difende, attacca, crossa, e tira in porta con decisione, e precisione, come al 59’, e, per un’inezia, poteva essere una giornata, completamente, di sole; ma in quel minuto una nuvoletta ha oscurato il sole. Non importa Sandro, l’importante è essere tornati in campo, e senza problemi. Il futuro sarà ancor più verde.

Riproduzione riservata ©