Calcio. Il Palio dei Rioni entra nel vivo. Clicca per risultati, classifiche e calendario

Mediagallery

E’ entrato veramente nel vivo, con la disputa della seconda giornata del girone di qualificazione, il Palio Calcistico dei Rioni Livornesi, anche perché i risultati delle gare svoltesi da lunedì 16 a giovedì 19 sono stati altalenanti, rispetto alla prima giornata, per cui le gare ancora da disputarsi saranno decisive per il passaggio del turno ai quarti di finale. Venendo al dettaglio, nel girone “A” il team de La Rosa supera, in rimonta in seguito alla rete subita dal Magenta ad opera di Bajrami Zubi (22’) nel primo tempo, con i gol di Federico Picchi al 25’ del primo tempo e di Perciavalle Emanuele al 12’ del secondo tempo, per il risultato finale di 2-1. Nella seconda gara i “bianco verdi” del San Jacopo non sono andati oltre, ancora una volta, ad un sofferto pareggio, anche se poi sono risultati vincenti ai calci di rigore lasciando così un solo punto agli avversari del Fabbricotti; apre le marcature per il San Jacopo Ambrogio Leonardo al 12’ del primo tempo cui replicano proprio sul finire Alessio Bacciardi al 35’ e Surian Quaglia al 37’; nella ripresa Roberto Morana ristabilisce all’8’ la parità e, da quel momento in poi la partita si trascina su ritmi assai blandi fino alla fine, la “tombola” dei rigori, come detto, vede vincente il San Jacopo per 6-4.
Nel girone “B” ancora gare ad altissima tensione dove i “rosso verdi” ardenzini superano il quotato Colline con una rete (assai contestata) di Luca Bono al 29’ del secondo tempo e raggiungendo così in classifica proprio i “bianco celesti”, mentre nell’altra gara spicca il volo il Corea che sconfigge per 4-2 un battagliero Sorgenti che dopo essere stato sotto di due reti, ad opera di Manuel Bartoli (10’) e di Alessandro Moni (25’) riesce, nella seconda frazione di gioco, ad agguantare il pareggio al 6’ con Claudio Mosetti e al 12’ con Salvatore Sciacca, ma niente può contro la straordinaria performance del bravissimo Alessandro Moni (che risulterà autore di una tripletta) che va in rete al 15’ e al 30’; comunque ai ragazzi del Sorgenti è dovuto l’onore delle armi, mentre il Corea festeggia la sicurezza di aver passato il turno.
Per il girone “C” si sono affrontati, nella prima gara, i rioni del Borgo Cappuccini e del Gabbro e il risultato finale, secondo il nostro modesto parere, non è affatto eclatante in considerazione di quanto visto nella gara precedente: ebbene, i “bianco neri” di Borgo hanno avuto ragione dei più “sgamati” avversari con una rete al 25’ del secondo tempo messa a segno dall’evergreen Luca Zini che fissava il risultato finale di 1-0. Nella seconda gara i ragazzi del Coteto se la vedevano con quelli del Quercianella: una bella gara, a nostro avviso, ben giocata da entrambe le formazioni con azioni veloci e manovrate e senza alcuna paura di giocare sempre la palla: al 14’ del primo tempo Paolo Castellone porta in vantaggio il Quercianella finalizzando una bella azione da manuale; nella ripresa al 13’ Alessio Vangi ristabilisce la parità e questo sostanziale equilibrio resta fino al termine della gara; l’esecuzione dei calci di rigore (una vera carambola di errori!) premia i “bianco verdi” del Quercianella con il risultato finale di 5-4.
L’ultimo girone, il “D”, vedeva di fronte nella prima gara la formazione del Salviano contro quella de La Leccia per cui, se vogliamo, una specie di derby. Gli “arancioni” di mister Malventi hanno confermato quanto di buono avevano fatto vedere nella prima gara contro il Venezia, superando gli “amaranto” del Salviano che hanno saputo resistere per un solo tempo di gara alla “freschezza” degli avversari che vanno in rete al 14’ con Valerio Di Lieto e nei minuti di recupero raddoppiano con Alessio Costanzo per un risultato ineccepibile di 2-0. Lo stesso discorso può essere applicato anche alla seconda gara della serata nella quale si affrontavano il Benci/Centro e il Venezia; i “colored” dell’Ovo Sodo avevano una marcia in più dei “bianco rossi” veneziani: il primo tempo si chiude in vantaggio per 1-0 in favore del Benci/Centro a seguito della rete messa a segno dal bravo Mane Cherif che replica subito in apertura di ripresa (2’), e il guizzo di Tiziano Romanelli (3’) riesce solo a dimezzare lo svantaggio, da quel momento in poi si gioca quasi solo ed esclusivamente nella metà campo del Venezia, in quanto la spinta offensiva del team di Vernace è quasi assillante, anche se le reti di Mandiaye Ndiaye AL 23’ e di Fall Elhadji Maissa al 32’ avvengono nel finale di gara per un risultato di 4-2 a favore del Benci/Centro.
La settimana prossima prevediamo che sia “molto calda” sotto tutti gli aspetti e per tutti i soggetti coinvolti: arbitri, atleti e dirigenti, visto che si disputeranno gare da dentro/fuori, come si può evincere dalla classifica generale. Ci auguriamo che il senso di responsabilità e di lealtà sportiva prevalga su tutto e in tutti, tenendo sempre presente che il motto della UISP recita, a ragion veduta: “Sport per tutti può essere il piacere di vincere, se vinci, e il piacere di perdere in pace, se perdi”.

 

Riproduzione riservata ©