Basket femminile. Jolly: vittoria con brivido a Lucca

Mediagallery

Le Mura Spring Basketball A – G.S. Jolly Acli Basket A.S.D. 47 – 51

Le Mura: Maffei 5, Doda 2, Bonciolini 2, Benicchi 15, Petri 16, Masini 5, Razza, Nerini 2, All. Giuseppe Piazza

Jolly: Giari 8, Profeti 3, Filoni 2, Balestri G. 4, Balestri A. 25, Del Rio, Grasso 9, All. Paolo Balestri

 di GABRIELE PRITONI

LUCCA. La partita si preannuncia come una specie di esame di maturità per la Jolly, che al quarto scontro diretto consecutivo (con un bilancio di 2 vinti e 1 perso), dopo una prima parte di girone più facile, deve dimostrare di meritare le prime posizioni della classifica.

Balestri parte in difesa con una zona 2 – 3 che Lucca non riesce a mettere in difficoltà, sia perché le guardie Profeti e Balestri A. svolgono ottimamente il loro compito di protezione del perimetro -pur con grande dispendio fisico- sia perché non riesce a trovare adeguata velocità nei ribaltamenti di lato e nei passaggi in generale; al contrario, specie nei primi secondi dell’azione, entra nei giochi in modo piuttosto fiacco. Nell’altra metà campo la Jolly si trova ad affrontare una difesa a uomo, spesso allungata a pressare, che però batte con una certa fluidità, grazie soprattutto alla grande prestazione di Balestri A. (4 su 5 dal campo con un tiro pesante e 4 palle rubate nel solo primo quarto). La prima frazione si chiude sul 17 – 11 per gli ospiti e nella seconda la musica cambia di poco: Lucca fatica ancora in attacco ed è pigra nei rientri, tanto da subire ben tre contropiedi da altrettante rimesse dopo canestro segnato. Si va al riposo lungo sul 32 – 21 con Livorno che spreca anche qualche facile conclusione soprattutto con Giari (1 su 9 dal campo nel primo tempo ma 6 su 6 ai liberi). Il conteggio delle palle perse vede Lucca prevalere per 13 – 8.

Nel terzo quarto entra Grasso al posto di Giari nel quintetto ma i problemi alla schiena della forte giocatrice napoletana ne limitano la prestazione. La frazione è caratterizzata da molti errori da entrambe le parti: la Jolly riesce a perdere ben 13 palloni e tira appena 1 su 5 dal campo, la squadra lucchese ha però le polveri bagnate (3 su 12) e non ne approfitta. Da segnalare il brutto comportamento del pubblico lucchese, che verrà sicuramente sanzionato come già successo nelle ultime due giornate, che se la prende con gli arbitri prima e con la Grasso poi in modo molto pesante, fornendo l’esempio di ciò che non si vorrebbe mai vedere sugli spalti, soprattutto in partite giovanili. Il quarto si chiude sul 38 – 29 per Livorno che mostra chiaramente di avere il fiato corto.

All’inizio dell’ultimo quarto di gioco sono ancora gli errori al tiro a farla da padrone: Grasso si fa sentire con due stoppate ma fa 0 su 3 davanti mentre Benicchi, Maffei e Petri confezionano insieme uno 0 su 6 per Le Mura. A 7’05” il punteggio è 42 – 30 per Livorno e non sembra ci siano le premesse per una rimonta. Come accade nel basket, però, nel giro di due minuti tutto cambia: Profeti esce per 5 falli a causa di un errore arbitrale (i falli erano 4), Lucca pressa a tutto campo e Livorno, causa stanchezza, perde lucidità e un pallone dietro l’altro. Benicchi scalda la mano, la Jolly va in bonus e regala tiri liberi e a 1’30” Lucca è a -1: 46-45. Schiena o non schiena, la Grasso sale in cattedra e segna due bellissimi canestri in fila che, di fatto, chiudono la partita.

“Avremmo dovuto vincere con meno patemi – è il commento di Balestri – ma con la rotazione corta alla fine ci è mancato un po’ il fiato; Lucca ha difeso sempre in modo aggressivo, soprattutto nel secondo tempo, e questo ci ha messo in difficoltà”. Alla domanda se, dopo questa vittoria, fossero nate aspettative di titolo, il coach ha risposto: “Le aspettative sono sempre le stesse, ovvero di fare un buon campionato: certo, rispetto al girone di andata avremo in casa due partite importanti (Ghezzano e Empoli) ma dovremo anche fare a meno di Profeti per un po’ (causa lavoro) e questo peserà”.

Prossimo appuntamento l’1/2 alle 19 al PalaCosmelli contro Pontedera.

 

Riproduzione riservata ©