I Tyrsenoi si confermano vicecampioni d’Italia

Mediagallery

A Turbigo (Mi), sabato 19 luglio sono andati in scena tutti i team del braccio di ferro italiano per il famoso campionato nazionale a squadre, gara molto difficile a punteggio composta esclusivamente da categorie senior (professionisti) del braccio destroy. I Tyrsenoi di Daniele Sircana e Cristiano Agosto consci delle proprie potenzialità hanno preso parte per la seconda volta a questo evento, dopo il meritatissimo argento del 2013 a Reggio Emilia.
La concorrenza è stata veramente spietata e per il secondo anno di seguito la squadra toscana si è classificata al secondo posto. È stata una bella conferma che però, lascia un po’ di amaro in bocca per il minimo distacco dalla squadra vittoriosa. Due soli punti non hanno reso possibile l’impresa. C’è però da sottolineare alcune precisazioni importanti: i Tyrsenoi esistono solo dal 2010, e sono un gruppo in continua crescita, ma con una buona parte di atleti molto giovani, nel caso dei Virus invece gli atleti erano per la maggior parte di caratura internazionale.

I Tyrsenoi hanno gareggiato con le loro potenzialità, e addirittura una categoria femminile in meno dando il massimo che potevano in tutte le altre e conquistando un argento più che meritato, che fa ben sperare per l’anno prossimo. La vittoria è comunque morale per gli atleti dello Sport Kombat di via Firenze. Passiamo alle prestazioni dei singoli atleti. Il coach Daniele Sircana si è notevolmente sacrificato per la squadra, con un peso inferiore ai 90 kg, ha gareggiato nei 100 kg e negli oltre 110 kg classificandosi rispettivamente primo e secondo dietro un atleta circa 35 Kg più pesante. Salvatore Pieraccini conquista un buonissimo bronzo negli oltre 110 kg, Mathia Vannini conquista il terzo posto nei 90 kg e Salvatore Ferrazzo il secondo nei 95 kg.
A 85 kg paga bene anche il sacrificio di Nicolò Ragusa che manca di poco la finale, classificandosi terzo pesando quasi 10 kg meno della categoria. Impressionante la prestazione di Silviu Gheorghita che si classifica secondo dietro ad un atleta di caratura internazionale- Un buonissimo contributo arriva anche dalle “Tyrsenoi girl”, il settore rosa della squadra, con la grande campionessa Francesca Messina che conquista due ori in due categorie veramente difficili, e Lavinia Marsicola con un ottimo secondo e terzo posto. Ma l’impegno dei Tyrsenoi non è terminato qui; sono stati infatti tutti fondamentali, anche chi non è salito sul podio ha contributo a fare punteggio per la squadra. Come il team leader Cristiano Agosto, il giovane Tommaso Marchiò, il prestante Andrea Pierini,il determinate Vincenzo Petese, gli ultimi acquisiti Alessandro Bientinesi e Livia Lauri e l’esperto Giacomo Mazzucchelli che per pochissimo non va a podio.

Riproduzione riservata ©