Accademia dello sport: grande festa per i passaggi di cintura

Mediagallery

Si chiude con gli esami di cintura “colorata” l’entusiasmante anno agonistico degli atleti di karate dell’Accademia dello sport di Livorno. Lo scorso sabato 14 dicembre è stata una gran festa sul tatami della palestra labronica dove la commissione d’esame composta dai maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia, Alessio Magnelli, Corrado Fiordi e Marco Bini ha esaminato ben 36 atleti fra bambini , ragazzi e adulti, i quali hanno passato a pieni voti il passaggio a cintura superiore con un folto pubblico di oltre 100 persone accorso ad assistere e sostenere i propri ragazzi. Grande soddisfazione per tutto l’enturage labronico sempre in continua crescita sia per il numero di affiliati sia per la qualità del karate che sta offrendo nel panorama regionale ed italiano.

Passano CINTURA GIALLA: Rossi Lorenzo, Rudakov Eugenio, Lanfranca Matteo, Iofredo Dinasyi, Sabattini Gabriele, Nerbi Matteo, Muscatello Marco, Baudone Valentine, Gonzales Christian, Trematerra Matteo, Di Meglio Stefania, Tarica Marco, Tarica Gabriele. CINTURA ARANCIO: Miliani Samuela, Bini Federico, Russo Simone, Marianucci Corrado, Gianmarx Garcia, Facundo Tapia, Castiglione Manuel, Danero Louis, Dorzi Megan, Mannino Isabella, Lo Sole Ginevra, Pasquetti Emanuele. CINTURA VERDE: Eric Vitiello, Emanuele Caroti, Shirin Caroti, Giada Barontini, Diego Caponera, Emanuele Magnelli, Leonardo Ragni, Nicola Tonini. CINTURA BLU: Masetti Lorenzo, Fiordi Jacopo CINTURA MARRONE: Poggiali Francesco.

Oltre agli esaminati erano presenti alla festa, che si è conclusa con la cena sociale, anche un gran numero degli altri atleti del club a cui i maestri fanno i loro ringraziamenti per aver dato lustro e competitività alla palestra in tutto l’anno agonistico: Cinquini Emma, Pierotti Diego, Molinari Edoardo, Miniati Manuele, Bahrabadi Giacomo, Pozzi Francesco, Tinucci Jacopo, Guidi Carlotta, Corsi Francesco, Betti Lorenzo, Tinghi Giada, Spada Leonardo, Barbera Gabriele, Ciardini Giacomo, Chellini Gaia, Mura Gabriele.

 

Riproduzione riservata ©