Al Mugello i Lions under 16 non falliscono

Mediagallery

Nuovo convincente successo per i Lions Amaranto Livorno under 16, capace di imporsi, in rimonta, 9-18 in quel di Pontassieve contro i locali del Rugby Mugello. I ‘sinergici’ (i Lions hanno stretto anche quest’anno un accordo con il Bellaria Pontedera e nelle ultime settimane anche con il Rugby Versilia) hanno pienamente confermato le qualità evidenziate nella settimana precedente nel match interno con i Titani Viareggio. Inizio gara non semplice con il Mugello che sfrutta al meglio la solita amnesia collettiva dei labro-pontederesi-versiliesi, andando a segnare una meta poi non trasformata. Sembra una giornata no per i ragazzi di Soriani e Crivellari che vedono gli antagonisti anche siglare un calcio piazzato per il momentaneo 8-0. A questo punto il solito orgoglio dei leoni amaranto permette di rovesciare l’inerzia della partita. Gli ospiti cominciano a macinare gioco, fino a segnare con Sarperi una bella meta con una ripartenza da mischia chiusa.

La meta è arrotondata con la trasformazione (8-7 all’intervallo). La ripresa si apre con un ritorno dei fiorentini che provano a riorganizzarsi, ma gli ospiti si difendono con ordine, per poi tornare a giocare nella metà campo avversaria con continuità. Meritata la meta (non trasformata) del definitivo sorpasso (a bersaglio Cicerale: 8-12). Pur esprimendosi a sprazzi, i Lions non cedono il passo agli antagonisti e continuando ad avere la gestione del pallone. I Leoni, con Sarperi (che si conferma metaman della squadra) firmano l’ultima meta dell’incontro (meta trasformata), fissando così il punteggio sull’8-19. Da sottolineare l’ottima integrazione degli ultimi arrivati provenienti dal Rugby Versilia (Morotti, Del Prete e Angelini) che da subito stanno dando il loro apporto alla causa amaranto. Lo schieramento dei lanciatissimi ‘sinergici’: Paoli, Del Prete, Morotti, Banchieri,Orsini (40′ Angelini), Cicerale, Magni, Sarperi, Stefanelli, Barresi, Andolfi, Patrone, Giovannetti, Baertini, Lacaj. A disp.: Angelini.

Riproduzione riservata ©