Un tè a casa modigliani

Mediagallery

Sabato 14 Dicembre alle ore 17, un pomeriggio nel cuore della cultura e delle tradizioni giapponesi a Casa Modigliani in via Roma 38: nella sala della musica della casa del grande artista è previsto il Cha no yu, Cerimonia del tè, con l’artista giapponese Eriko Furukawa. Per prenotazioni e info 320.8887044. Costo 10 €. La Cerimonia del tè è oggi una grande forma d’arte e viene praticata utilizzando il tè Matcha, pregiato tè giapponese in polvere, ricco di proprietà benefiche per l’organismo umano e conosciuto fin dai tempi antichi come “elisir di lunga vita”. È necessario acquisire una particolare preparazione prima di poter accedere alla cerimonia, ogni azione viene svolta dopo un’adeguata meditazione ed occorre riuscire a stabilire un legame fra l’uomo e il sacro per liberarsi dello stress quotidiano.

“Il cuore della Cerimonia del tè consiste nel preparare una deliziosa tazza di tè; disporre il carbone in modo che riscaldi l’acqua; sistemare i fiori come fossero nel giardino; in estate, proporre il freddo; in inverno, il caldo; fare tutto prima del tempo; preparare per la pioggia e dare a coloro con cui ti trovi ogni considerazione” (Sen no Rikyū). All’interno della casa lo spazio per la cerimonia sarà allestito con un’esposizione di grafica originale giapponese e kimono. Dopo la cerimonia, il tè sarà offerto a tutti i presenti. A conclusione della cerimonia visita guidata all’interno di Casa Natale Amedeo Modigliani, dove è nato il grande artista, la famosa palazzina di via Roma della borghesia ebraica livornese ottocentesca.

La casa organizzata come un museo ripercorre la vicenda artistica e umana del pittore livornese attraverso foto, documenti, lettere, riproduzioni. Il percorso si conclude con un omaggio reso all’artista, da pittori contemporanei che hanno donato alla Casa Modigliani una serie delle loro opere ispirate alla figura e all’arte di Modigliani, tra loro ricordiamo Bruno Ceccobelli, Mario Madiai, Pietro Cascella, Renato Guttuso, Mimmo Rotella, Tano Festa.

 

 

Riproduzione riservata ©