Il Transitus Animae di Lorenzo Perosi alla chiesa dei Salesiani

Mediagallery

Domenica 29 Dicembre alle ore 16 presso la chiesa dei Salesiani di Livorno, verrà eseguito il “Transitus Animae”  oratorio composto nel 1907 da Lorenzo Perosi per voce di mezzosoprano , coro e orchestra, nella versine trascritta dal maestro preziosi per pianoforte ed organo. L’evento è organizzato dalla Schola Canthorum Labronica in collaborazione con la Fondazione Teatro Goldoni e la Fondazione Cassa di Risparmi Livorno e vedrà la partecipazione del coro Schola Canthorum Labronica, del mezzosoprano Silvia Pasini , dai pianisti Edoardo Basotti e Pietro Mariani diretti dal Maestro Maurizio Preziosi.

L’evento scatenate di questa magnifica composizione, fu concepito da Perosi per l’inaugurazione della sala Pia dei Fratelli del Nostro Signore della Misericordia di Roma. Questa location doveva essere destinata alle esecuzioni perosiane e avrebbe dovuto avere un ruolo didattico nella preparazione di musicisti dediti alle composizioni sacre. Il periodo che accompagnava Perosi per quanto riguardava la composizione di musica sacra, era offuscato da un senso opprimente di impotenza e sconfitta . Egli era convinto che la sua musica non fosse piu’ apprezzata e ne’ tanto meno all’altezza di altre composizioni per il semplice motivo che si rtiteneva non piu’ all’altezza . Forse fu proprio questa sua angoscia opprimente che fece ottenere al compositore, una delle sue migliori Opere mai composte.

Il Transitus Animae, dedicato al fratello Marziano, racconta il transito di un anima eseguita dalla voce di mezzo soprano, dal memento della morte fisica, fino al raggiungimento del paradiso. In principio l’Anima si piega ad umili preghiere “miserere mei domine, amplius lava me” seguito da voci corali in raccolto senso di speranza. Anima ancora una volta riprende la sua intensa preghiera “averte faciem tuam a peccatis meis” consolato dal coro con un “Libera, Domine” . Anima assume un accento ancora piu’ drammatico nel “ ne projcias me a fecie tua”sfociando in un “miserere domine, gemitum, lacrimarum ejus” frase ripresa in seguito dal coro. L’ultima invocazione trepidante “ libera me domine de morte aeterna” seguito dalle litanie del coro. Infine Anima si abbandona alla volonta’ di Dio in “manus tua domine,commendo spiritus meum” ancora accompagnato dal coro con “maria mater gratiae” chiudendo la cantata con un versetto liturgico “in paradisum deducant te angeli” in tema gregoriano con ripresa del tema iniziale. La schola cantorum labornica, organizzatrice dell’ evento, vanta di un organico di oltre 50 elementi ed ha ottenuto riconoscimenti prestigiosi da enti e realta’ italiane e straniere.

Silvia Pasini, affermata mezzo soprano, vanta di un ampio curriculum collaborando con mestri di prestigio quali Luciano Pavarotti, Bruno de Simone, Mirella Freni, Renato Bruson. Recentemente e’ stata ospite in toscana presso il teatro puccini di Torre del Lago interpretando Mamma Lucia in Cavalleria Rusticana.

Il Maestro Maurizio Preziosi vanta di un vastissimo curriculum. La sua carriera inizia come concertista pianistico ottenendo riconoscimenti in tutto il mondo per poi dedicarsi alla direzione corale e orchestrale. E’ Reduce da una tournee’ nei paesi caucasici come direttore dell’opera Cavalleria Rusticana.

 

Riproduzione riservata ©