Papini, la storia dello “scassinatore”-patriota

Mediagallery

Una gloria cittadina sui generis e dimenticata: Natale Papini “scassinatore” livornese, patriota per caso, che recuperò a Zurigo dalla cassaforte dell’Ambasciata degli austro-ungarici piani preziosi per la vittoria italiana.
La ricostruzione a firma di Franco Marianelli sul prossimo numero di “Storia e storie della Toscana” in vendita in edicola con la Nazione martedì 22 settembre. Papini fu poi dimenticato e morì in miseria nonostante la presentazione in parlamento di più proposte per una pensione al merito.

Riproduzione riservata ©