Nuovo appuntamento al The Cage Theatre, arriva DePedro con la sua musica latina

di admin

Mediagallery

Dopo Tonino Carotone, cantante nato a Pamplona e giunto a Livorno la settimana scorsa per un imperdibile concerto al The Cage Theatre, è il turno di un altro musicista spagnolo: Jairo Zavala, in arte DePedro. La crescita musicale di questo chitarrista è molto variegata, si parte infatti dalle canzoni in voga precedentemente alla seconda guerra mondiale (cantate dai nonni), alle musiche Sud Americane ed Africane imparategli dal padre, fino a giungere ai classici sound degli anni settanta ed ottanta.
Durante la sua prima adolescenza dà vita ad una band, ma i risultati non sono quelli sperati ed il successo tarda ad arrivare. Nonostante ciò, riesce a passare da un gruppo all’altro per ordine d’importanza, fino a quando non approda negli Amparanoia e nei Clexico di Joey Burns. Quest’ultima band, in tour in Spagna, offre a Javier dapprima il ruolo di turnista per la sezione europea ed in seguito come chitarrista fisso durante i loro concerti.
Gli anni passano e nel 2009 il musicista sceglie di fare un passo avanti, diventando cantautore ed esordendo con il suo primo album “DEPEDRO”, un disco prevalentemente folk, ma arricchito da suoni di stampo indie, jazz e dalle musiche del suo paese natio.
Grazie a questa raccolta d’inediti l’artista ottiene un successo di fama internazionale, permettendogli inoltre di far spiccare il suo nome anche a livello di solista e non più come semplice componente di un gruppo.
L’anno dopo arriva un nuovo Lp “Nubes de papel”, che vanta anch’esso innumerevoli vendite e si fa notare per la sua ricercata composizione.
Domani, sabato 26 ottobre alle ore 22:00, quest’importante musicista sbarcherà al The Cage Theatre di Livorno per la sua unica data Toscana.
L’ingresso è di 5 euro; chiunque fosse interessato all’acquisto del biglietto potrà farlo direttamente domani sera alla biglietteria fuori dal teatrino labronico oppure cliccando a questo link http://thecagetheatre.it/

Riproduzione riservata ©