Memorial canoro in ricordo di Palmerini

Mediagallery

di Gianni Picchi

Al Teatro “Percorsi Musicale” di via delle Sorgenti, si è svolto il 3° Memorial Riccardo Palmerini Morelli.
Per 20 anni ha insegnato canto nel suo studio di via Ricasoli 58. I suoi allievi ogni anno riavvolgono il nastro della memoria e tornano a cantare, davanti a figli e nipoti, pronti ad applaudirli.
Alcuni di loro ancora si esibiscono in teatri, o locali da ballo, con i propri complessi musicali. Con le loro performance hanno dimostrato di avere ancora i mezzi per potere emozionare, segno che le basi tracciate dal Maestro sono state più che positive.
Il sipario si è aperto con i due figli del Maestro, Alessandro ed Elena Palmerini Morelli, i quali, dopo il saluto, ed il ringraziamento, agli intervenuti, hanno proposto una loro canzone.

Questa la scaletta della serata

Giovanni Argelassi ( Love Letters in the sand)
Fabrizio Mancini ( Un amore così grande)
Laura Giuntoli ( Rose su rose)
Katiuscia Giannetti ( Anche un uomo)
Maila Mazzeranghi ( Insieme)
Annamaria Fabbri ( Io e te da soli)
Patrizio Cirica ( Viso d’angelo)
Monica Penco ( Serena)
Lorella Ciabattari ( Perché mi hai fatto innamorare)
Miguel ( Quando l’amore diventa poesia)
Selene ( E se domani)
Claudio Mazzeranghi ( La casa in cima al mondo)
Mimmo Trovato ( Amici miei)
Franco Mencarini ( La legge della natura)
Cristina marziali ( Buonanotte Buonanotte)
Maurizio Giambini ( Nel sole)
Fathia Bacci ( La vien rose)
Maurizio Montanari ( Cocodrile Rock)
Luigi Agostini ( The lady is a tramp)
Paola Baroni ( Il tempo di morire)

Lo spettacolo si è chiuso con tutti i cantanti sul palco per cantare tutti insieme.
Dopodichè sono scesi per andare a salutare la moglie Elena, donandole una targa arixordo della serata.
Accolto da un lungo e caloroso applauso è stato chiamato sul palco Gianni Stampa, che, oltre che essere amico del Maestro, allora era il presentatore dei concorsi canori in Toscana, e fuori regione.

Chi era Riccardo Palmerini Morelli
Riccardo Palmerini Morelli nasce a Livorno il 13/08/1929 si diploma presso Tecnico commerciale a 16 anni. Dopodichè si aprono le porte per una carriera bancaria.
A 20 anni scopre la sua vera passione: la musica, doti di musicista ereditate da un prozio materno, gia 1° violino del teatro della Scala.
Inizia così il cammino verso il diploma di pianoforte, studiando presso la Prof.ssa Itala Balestri Del Corona. Dopo poco più di un anno dall’inzio degli studi pianistici, sostiene l’esame del 5° anno, presso il Conservatorio musicale Cherubini di Firenze.
Passati altri tre anni consegue l’ottavo anno presso il Conservatorio musicale Boccherini di Lucca, e quindi l’abilitazione all’insegnamento. Infine nel 1955, a soli 5 anni dall’inizio dei suo studi, si diploma presso il Conservatorio G. Verdi di Milano.
Pur avendo davanti a sè una sicura carriera di concertista, decide di dedicarsi alla musica leggera, ed a studiare canto, prima presso il M° Cesarini a Firenze, poi presso il M° Frazzi a Roma.
Così apre una scuola di canto a Livorno,per oltre 20 anni. E’ qui che si concentra il fulcro della sua carriera e della sua attività di insegnante di canto, raggiungendo, negli anni ‘ 70, un ragguardevole numero di allievi, alcuni portati anche alla ribalta nazionale, come la partecipazione al Festival si S. Remo (Rossella Canaccini) ed alla vittoria del Festival di Castrocaro nel 1973 (Maila Mazzeranghi). Parallelamente non ha mai voluto abbandonare la sua attività di commerciante (essendo la famiglia proprietaria di uno storico panificio nel centro di Livorno) dividendo la sua vita professionale tra il negozio, e la sua scuola di canto, esaltando anche le sue doti di semplicità, e di concretezza, che lo hanno sempre caratterizzato nella sua vita. Muore prematuramente nel 1993, a soli 64 anni, lasciando però un segno indelebile in tutti coloro, che lo hanno conosciuto, ed a quasi 18 anni dalla sua scomparsa, lo ricordano con immutati affetto, e gratitudineDopo poco più di un anno dall’inzio degli studi pianistici sostiene l’esame del 5° anno presso il Conservatorio musicale Cherubini di Firenze. Passati altre tre anni consegue l’ottavo anno presso il Conservatorio musicale Boccherini di Lucca e quindi l’abilitazione all’insegnamento, ed infine nel 1955 a soli 5 anni dall’inzio dei suo studi si diploma presso il Conservatorio G. Verdi di Milano.Dopo poco più di un anno dall’inzio degli studi pianistici sostiene l’esame del 5° anno presso il Conservatorio musicale Cherubini di Firenze. Passati altre tre anni consegue l’ottavo anno presso il Conservatorio musicale Boccherini di Lucca e quindi l’abilitazione all’insegnamento, ed infine nel 1955 a soli 5 anni dall’inzio dei suo studi si diploma presso il Conservatorio G. Verdi di Milano.

Riproduzione riservata ©